Scienza

Skybender, i test di Google con i droni per internet 5G

Skybender, i test di Google con i droni per internet 5G
Fabio Farnesi

Si chiama project Skybender il nuovo progetto di Google per portare la velocità di connessione a 5G. La tecnologia sfrutterebbe i droni per trasmettere onde ad altissima frequenza in grado di supportare una velocità 40 volte maggiore dell’attuale 4G.

Per condurre i propri esperimenti Google avrebbe affittato i 15.000 mq di un Hangar in New Mexico presso lo Spaceaport America e di proprietà di Virgin Galactic. Google avrebbe anche installato tutte le apparecchiature necessarie al controllo del traffico aereo. L’intero esperimento farebbe infatti uso di droni alimentati ad energia solare in grado di trasmettere le così dette “onde millimetriche” che garantirebbero connessioni ad una velocità quaranta volte superiore all’attuale 4G.

Alta velocità ma per brevi tratti

Onde radio di questo genere sono da considerarsi ad altissima frequenza e potenzialmente in grado di trasmettere una quantità elevata di dati ad una velocità estremamente superiore a quella attuale. Hanno inoltre il vantaggio di occupare una porzione dello spettro delle onde radio diverso da quello occupato attualmente dai telefoni cellulari e già abbondantemente sfruttato.

Contemporaneamente però le onde millimetriche funzionano per una distanza molto inferiore a quella supportata dai moderni smartphone. Una trasmissione a 28GHz, la frequenza che Google starebbe testando presso lo Spaceport America, perderebbe di intensità in circa un decimo della distanza coperta dall’attuale segnale 4G.

Phased Array, un delicato equilibrio

Per questo motivo Google starebbe usando i droni per sperimentare una tecnologia nota come phased array che consiste nel direzionare il segnale di un certo numero di antenne verso la direzione desiderata e ridurre il segnale verso le direzioni non necessarie alla trasmissione.

Una tecnologia piuttosto complessa che richiede sforzi consistenti per ottenere i risultati sperati. In molti inoltre avanzano dubbi relativamente all’eccessivo consumo di energia richiesto dalle onde millimetriche. Tuttavia Google sembra fermamente convinta di poter ottenere risultati importanti da questo tipo di sperimentazione.

Due tipologie di droni

Il progetto Skybender farebbe uso di due tipologie di droni: un velivolo noto come Centaur funzionante sia in modo autonomo sia, opzionalmente, in modo pilotato e una serie di droni derivati dal progetto Titan nato con l’acquisizione per 60 milioni di dollari della società Titan Startup Aerospace nel 2014.

Il progetto Skybender sarebbe condotto dal Google Access team che guida anche Project Loon, ovvero il progetto di Google per portare internet nella zone più remote del paese attraverso palloni aerostatici fluttuanti nell’atmosfera.

Non solo Google

Google non è l’unica azienda a condurre esperimenti sulle onde millimetriche attraverso l’uso dei droni. Nel 2014, il Darpa, il centro di ricerca delle forze militari negli Stati Uniti, aveva annunciato un programma sperimentale dal nome Mobile Hotspots teso a sfruttare i dron per portare connessioni ad alta velocità alle truppe operanti in zone non raggiunte dalla rete Internet.

Scienza
Fabio Farnesi
@jachetto

Una doppia vita passata per metà a scrivere codice e per metà a scrivere di tecnologia per le maggiori testate italiane online e offline. Quando non sono impegnato ad imparare qualche nuova tecnica è probabile che stia smontando un giocattolo nuovo

Altri in Scienza

Mal di testa e cellulare: quale collegamento?

Mal di testa e cellulare: quale collegamento?

Matteo Rossi9 Ottobre 2018
Marte: la Nasa ha fotografato uno scheletro alieno?

Marte: la Nasa ha fotografato uno scheletro alieno?

Mirko Nicolino26 Marzo 2018
Come imparare chimica con 3 tecniche veloci di apprendimento

Come imparare chimica con 3 tecniche veloci di apprendimento

Mirko Nicolino21 Settembre 2017
TIM e Seikey portano il cloud sui droni professionali

TIM e Seikey portano il cloud sui droni professionali

comparasemplice.it26 Settembre 2016
Trasformare le acque reflue in energia? Ci pensano i mattoni smart

Trasformare le acque reflue in energia? Ci pensano i mattoni smart

comparasemplice.it25 Agosto 2016
Solar Impulse 2: il primo giro del mondo dell’aereo solare

Solar Impulse 2: il primo giro del mondo dell’aereo solare

comparasemplice.it29 Luglio 2016
Cina, 9mila sgomberi per inaugurare il mega telescopio FAST

Cina, 9mila sgomberi per inaugurare il mega telescopio FAST

Monica Apicella16 Febbraio 2016
Le onde gravitazionali intercettate per la prima volta

Le onde gravitazionali intercettate per la prima volta

Romeo Balestrieri11 Febbraio 2016
SpaceX Falcon 9 lancio perfetto, ma esplode all’atterraggio

SpaceX Falcon 9 lancio perfetto, ma esplode all’atterraggio

Fabio Farnesi18 Gennaio 2016

Il bello della tecnologia

Wolf Agency
Via Cavour 24,10024, Moncalieri (TO)
+ 39.388.6322400
[email protected]
TStyle by Wolf Agency - Via Cavour 24 - 10024 Moncalieri (TO) - info@tstyle.it - tel: 39 388.6322400