SpaceX impresa compiuta, decollo e atterraggio perfetti

0
1270
SpaceX Falcon 9 decollo e atterraggio perfetti

SpaceX infine ha compiuto l’impresa. La compagnia fondata da Elon Musk, già proprietario di Tesla Motors, ha lanciato nello spazio il razzo Falcon 9, depositato 11 satelliti per la comunicazione in orbita, ed è ritornato a terra sano e salvo.

Si tratta di un’impresa epica, che sancisce la nascita del primo razzo a due stati riutilizzabile in grado di portare rifornimenti nello spazio. In pratica diventerà il cargo che garantirà il trasporto merci per la stazione spaziale internazionale.

SpaceX Falcon 9 un’impresa epica

È importante sottolineare che non si tratta di un piccolo razzo, oppure di un lancio una tantum. Il Falcon 9 portava un carico significativo e l’atterraggio sano e salvo del primo dei due stadi che compongono il razzo, era un obiettivo importante quanto la corretta consegna del carico.

Il Falcon 9 è in grado di raggiungere una distanza di 124 miglia dalla terra grazie alla spinta dei suoi 9 motori. Per comparazione il Blue Origin new Shepard, sviluppato dalla compagnia proprietà di Jeff Bezos, CEO di Amazon, è in grado di arrivare ad una quota di 62 miglia che comunque è ancora un traguardo decisamente importante.

SpaceX aveva già in precedenza tentato di portare il Falcon 9 nello spazio, e di farlo atterrare successivamente per poterlo riutilizzare, ma l’impresa era fallita con la spettacolare esplosione in volo del razzo.

Il razzo è composto di due stadi, per il momento solo uno dei due stadi è recuperabile per un successivo riutilizzo, nonostante questo si tratta di un enorme passo per l’esplorazione dello spazio. Poter riutilizzare i razzi, consente un enorme risparmio economico poiché è possibile sfruttare per lungo tempo i motori che rappresentano uno dei costi maggiori di ogni lancio.

Conquistata la sostenibilità economica, il prossimo obiettivo è l’esplorazione umana di Marte, parola di Elon Musk, proprietario di SpaceX e anche di Tesla Motors