WhatsApp sarà a pagamento?

0
1287

Forse risulterebbe un po’ superfluo chiedere se si conosce WhatsApp. Tutti noi, dai più piccoli ai più anziani siamo a conoscenza e utilizziamo almeno una volta al giorno questa applicazione di messaggistica.

Non c’è uno smartphone che non sia abilitato per poter ospitare questa applicazione, ma da un paio di giorni sono in tanti ad avere ricevuto un messaggio dai propri contatti in cui si annunciava il suo pagamento in futuro.

Come dicevamo, WhatsApp è l’applicazione di messaggistica più utilizzata al mondo e oltre a tenere in contatto con le persone tramite i testi, dà la possibilità di effettuare chiamate, video chiamate, inviare immagini e altre tipologie di allegati.

Insomma, si tratta di un’applicazione molto versatile ed utili sotto molti punti di vista. Ma cosa ci sarà di vero sulle voci che circolano in questi giorni, su un suo presunto costo?

Vediamole insieme.

Come funziona WhatsApp?

WhatsApp è un’applicazione che offre la possibilità di effettuare molte azioni e soprattutto il suo scopo principale è quello di mettere in contatto le persone in maniera veloce, basta infatti avere una connessione internet.

Andando avanti con gli anni, l’applicazione si è evoluta e ha inserito al suo interno molte funzioni nuove, molte delle quali in seguito alla sua acquisizione da parte del fondatore di Facebook.

Infatti, WhatsApp inizia ad avere le sembianze di un vero e proprio social network. Questo soprattutto dopo aver dato la possibilità ai suoi utenti di condividere con i propri contatti delle stories, propri come quelle di Instagram e di Facebook.

Oltre a questo aspetto social, WhatsApp permette di inviare diversi formati di allegato, dai documenti in pdf, alle classiche immagini e video e in più condividere la propria posizione geografica.

Per quanto riguarda la parte di messaggistica, con WhatsApp si può chattare con chiunque abbia la stessa applicazione installata sul proprio smartphone e non ci sono limiti di tempo o soprattutto di distanze geografiche. Inoltre, si possono effettuare telefonate e videochiamate.

Inoltre, si possono avviare delle chat di gruppo, all’interno delle quali si possono svolgere tutte le attività sopra elencate.

Insomma, una sola applicazione offre la possibilità di fare numerose azioni utili nel nostro quotidiano.

E che succederebbe se tutto ciò diventasse a pagamento? È proprio questo che stanno temendo i numerosi utenti che hanno ricevuto un messaggio (una sorta di catena) in cui si preannuncia il futuro pagamento dell’applicazione e che l’unica modalità per far si che si continui ad utilizzarla in maniera gratuita è quella di inoltrare il messaggio ad almeno 20 contatti della propria rubrica.

Bene, come conferma anche il sito di notizie Kontrokultura.it, WhatsApp, non sarà mai a pagamento e il messaggio ricevuto non è altro che una bufala.

WhatsApp gratis

L’11 gennaio sarebbe stato il giorno in cui WhatsApp sarebbe diventato a pagamento, ma come si può vedere non è successo proprio nulla. Questo per il semplice motivo che i messaggi ricevuti su questo cambiamento sono solo delle fake news.

Non è la prima volta che ci sono questi allarmismi ma fino a quando non sarà l’azienda proprietaria di WhatsApp, ovvero Facebook a comunicare in maniera ufficiale un futuro costo o cambiamento di qualsiasi genere dell’applicazione, non bisogna cadere nelle trappole del web o di messaggi.