TAG Heuer Connected Modular 45: trapelate le specifiche tecniche

0
3010

Sono appena state rivelate, in seguito ad un errore della stessa casa produttrice TAG Heuer che le ha fornite in anticipo, le specifiche tecniche di TAG Heuer Connected Modular 45, nuovo smartwatch Android Wear 2.0 che possiamo tranquillamente definire una delle maggiori rivelazioni della primavera in arrivo, vista la sua personalizzabilità e la possibilità di aggiungere singoli moduli al wearable.

TAG Heuer Connected Modular 45 adotta quindi un principio già apprezzato da alcuni produttori di smartphone, tra cui LG e Motorola, che hanno prodotto dispositivi modulari con espansioni personalizzate a livello di capacità fotografica e audio. Lo smartwatch ha una cassa con diametro 45 mm come indicato dal nome stesso del device, appena inferiore alla versione attuale di TAG Heuer connected, che sfiora i 46.

I materiali con cui è stato costruito il dispositivo sono certamente di qualità premium, essendo destinato prevalentemente ad un pubblico che non ha intenzione di utilizzarlo per lo sport o attività particolarmente impervie outdoor. Il telaio è in robusto titanio ed il quadrante in zaffiro, ed il design speciale conferito da TAG Heuer permette di sostituire il modulo connected con un peculiare “Swiss Made”, capace di far assumere al dispositivo un’estetica differente e simile agli orologi meccanici di prestigio.

TAG Heuer Connected Modular 45: robustezza, design e Android Wear 2.0

Sono diversi i punti di forza che potrebbero incidere sul “trionfo” del nuovo TAG Heuer su una moltitudine di altri smartwatch attuali, più destinati ad un utilizzo urban o sportivo. Tra di essi, l’affinità a diversi modelli (disponibili in semplice titanio, titanio con ceramica, titanio con diamanti e titanio con oro rosa a 18 carati), un cinturino disponibile altrettanto in titanio, pelle o gomma; una dotazione software convincente con display AMOLED, chipset firmato Intel, storage 4 GB.

Le peculiarità hardware si completano con connettività Wi-Fi, GPS e NFC, assieme ai sensori per luce ambientale, batteria a lunga durata e capacità di resistenza subacquea fino a ben 50 metri di profondità, un dato interessante dal momento che non si tratta propriamente di uno smartwatch per nuotatori. Non manca i supporto esteso ai pagamenti rapidi con Android Pay, e un’interattività più rapida con messenger, social e notifiche grazie a Wear 2.0.

Un ottimo smartwatch, quindi, impreziosito da feature non sempre presenti su tutti i wearable di lusso: si tratta di una delle uscite più interessanti di tutto il mese di Marzo.