Samsung Galaxy S8 Plus: nuove foto confermano lettore impronte posteriore

0
1249
Galaxy S8 Plus custodie

Samsung Galaxy S8 Plus sarà il modello di punta dell’azienda coreana per il 2017. L’obiettivo è quello di far dimenticare quanto accaduto con il Galaxy Note 7, il phablet messo in commercio e poi ritirato per via delle esplosioni e degli incendi dovuti alla batteria. Per rilanciare le vendite e l’immagine del proprio marchio nel settore smartphone, dunque, si punterà tutto sui due nuovi top di gamma, Galaxy S8 ed S8 Plus, con il secondo che avrà la priorità poiché è ritenuto il prodotto che sarà maggiormente richiesto.

Galaxy S8, secondo i rumors più accreditati, avrà uno schermo da 5,7 pollici, mentre S8 Plus disporrà di un display da 6,1 pollici. Attenzione, però, perché la diagonale potrebbe non essere perfettamente indicativa, poiché lo schermo sarà curvo e ciò aumenta la porzione di spazio coperta dal display. Insomma, per adesso bisogna andarci con i piedi di piombo prima di esprimere giudizi, ma pare che il Samsung Galaxy S8 Plus dovrebbe sostanzialmente prendere il posto del Note a livello di fetta di mercato. Il phablet, infatti, non sarà più prodotto, almeno per un po’, poiché a questo modello è chiaramente associata un’immagine negativa per la casa coreana.

Samsung Galaxy S8 Plus erede del Note?

Per chi cerca un phablet, dunque, S8 Plus con schermo da 6,2 pollici potrebbe essere la soluzione ideale. Android Pure, infatti, ha pubblicato le foto di quelle che dovrebbero essere le cover posteriori di S8 ed S8 Plus, che rendono bene l’idea delle dimensioni dei due dispositivi. Le immagini, confermano innanzitutto che il lettore d’impronte digitali si trova nella parte posteriore, esattamente di fianco alla fotocamera. Ovviamente, la foto non è ufficiale e va presa con le molle, anche se il sito in questione ha spesso pubblicato anticipazioni attendibili.

Per quel che riguarda la scheda tecnica, conferme sulla funzionalità simile a quella di Continuum di Windows 10 Mobile che consentirà di sfruttare un ambiente desktop collegando lo smartphone ad un monitor esterno.

Foto: Android Pure