Mobile

HTC U Ultra, evento ufficiale: arriva il nuovo top di gamma Android

HTC U Ultra, evento ufficiale: arriva il nuovo top di gamma Android
HTC U Ultra, evento ufficiale: arriva il nuovo top di gamma Android
Roberta Betti

HTC Ocean Note, dispositivo del brand taiwanese di cui si è spesso parlato nelle ultime settimane grazie nuovi leak sul top di gamma Android in arrivo, ha finalmente un nome ufficiale: si tratta di HTC U Ultra, ed è in attesa di essere rivelato ad un evento ufficiale che la casa produttrice ha fissato per il 12 Gennaio.

Gli inviti spediti da HTC alla stampa per l’occasione mostrano già un abbozzo del design del dispositivo,  molto simile al form factor di un phablet vero e proprio (con schermo da 6 pollici) piuttosto che quello di uno smartphone classico. HTC Ultra potrebbe inoltre avere anche uno schermo dual-edge, il che può dimostrarsi un’aggiunta caratteristica come dimostrato da Samsung, e una fotocamera di qualità più elevata rispetto alla media standard.

Altre immagini del dispositivo ci mostrano l’assenza del famoso jack 3,5 millimetri, una scelta costruttiva che si sta diffondendo velocemente sugli smartphone top, e la presenza di una porta USB Type C per ricarica rapida e connessioni più veloci.

HTC U Ultra: sarà un top di gamma con fotocamera evoluta?

HTC non si è sbilanciata molto sulle capacità effettive del nuovo smartphone, preferendo lasciare all’occasione dell’evento uffficiale lo spazio necessario per spiegare le peculiarità del nuovo device Android.

Nonostante questo, i benchmark di DxOMark hanno analizzato a fondo il comparto fotografico del dispositivo, e sembrano essere parecchio lusinghieri (mostrando un rating superiore agli 89 punti realizzati da Google Pixel, che ricordiamo essere stato eletto tra uno dei migliori camera phone della stagione passata).

Basterà questa indiscrezione a fare di HTC U Ultra un camera phone? Il giudizio è ovviamente prematuro, ma una prima traccia a favore sicuramente c’è. Un’altra informazione interessante in merito al prossimo HTC U Ultra riguarda la presenza di una tecnologia audio adattiva, capace di modificare i valori del volume di riproduzione di una canzone a seconda dell’ambiente in cui ci si trova.

Assieme a U Ultra si aspettano anche i nuovi HTC Occean Master e Ocean Smart, entrambe versioni ridotte del terminale principale. Rimaniamo quindi in attesa di informazioni ufficiali in merito a paesi in cui i 3 smartphone verranno distribuiti, e soprattutto alle specifiche tecniche ufficiali che potrebbero farne smartphone Android di inizio 2017 da non perdere.

Mobile
Roberta Betti
@SerikaSerizawa8

Appassionata di hi-tech ed entertainment digitale, e più generalmente di tutto ciò che ruota attorno il sistema di numerazione binario: sistemi open source, OS, privacy, app, videogames, device e quanto il prolifico mondo della tecnologia ci propone ogni giorno

Altri in Mobile

Amazon Kindle Oasis: schermo grande e impermeabile

Amazon Kindle Oasis: schermo grande e impermeabile

Mirko Nicolino13 ottobre 2017
BlackBerry Motion presentato ufficialmente: scheda tecnica e prezzo

BlackBerry Motion presentato ufficialmente: scheda tecnica e prezzo

Mirko Nicolino9 ottobre 2017
Huawei Mate 10 Pro: la foto finisce in Rete

Huawei Mate 10 Pro: la foto finisce in Rete

Mirko Nicolino3 ottobre 2017
Nokia 2: lo smartphone sotto i 90 euro arriva a novembre

Nokia 2: lo smartphone sotto i 90 euro arriva a novembre

Mirko Nicolino26 settembre 2017
Samsung Galaxy S9 registrerà video a 1000 FPS?

Samsung Galaxy S9 registrerà video a 1000 FPS?

Mirko Nicolino20 settembre 2017
iPhone X e iPhone 8 a confronto: ecco cosa cambia

iPhone X e iPhone 8 a confronto: ecco cosa cambia

Mirko Nicolino15 settembre 2017
iPhone X è realtà: caratteristiche e prezzi

iPhone X è realtà: caratteristiche e prezzi

Mirko Nicolino13 settembre 2017
WhatsApp: dopo le spunte blu arrivano quelle verdi

WhatsApp: dopo le spunte blu arrivano quelle verdi

Mirko Nicolino6 settembre 2017
WhatsApp: inviare messaggi anche a chi non abbiamo in rubrica

WhatsApp: inviare messaggi anche a chi non abbiamo in rubrica

Mirko Nicolino5 settembre 2017