Orologi vintage da uomo, ecco come orientarsi nella scelta

0
1230
orologio vintage

Spesso e volentieri, tanti uomini prendono in considerazione l’idea di aggiungere un elemento vintage al proprio look. Evitando di parlare di abbigliamento, ecco che un orologio vintage può rappresentare davvero quel tocco che garantisce una marcia in più all’intero outfit a cui viene aggiunto.

Il problema è che, nella maggior parte dei casi, non si ha sufficiente esperienza con gli orologi per effettuare una valutazione seria e responsabile, con il rischio altrimenti di spendere dei soldi per nulla. Fare degli errori di valutazione in questo campo è molto facile, anche se comunque al giorno d’oggi si sono moltiplicate le piattaforme che offrono la possibilità di trovare degli orologi antichi da polso, conservati in eccellenti condizioni e con un’adeguata certificazione a supporto.

Quali sono i fattori che indirizzano la scelta

È chiaro che un orologio vintage deve essere acquistato sempre in base alle proprie esigenze. Un gran numero di persone, infatti, scelgono di comprare un modello di orologio che si deve poter indossare nella vita di tutti i giorni. Se l’obiettivo è questo, quindi, la cosa migliore da fare è quella di puntare su un orologio che risalga ad un’epoca di realizzazione compresa tra l’inizio degli anni Ottanta e la fine degli anni Ottanta.

Qualora, invece, la ricerca si concentrasse su un modello molto più antico, allora è chiaro che l’obiettivo dovrebbe essere quello di farne sfoggio solamente in determinate occasioni, come ad esempio eventi o feste a cui si è invitati.

Uno dei consigli migliori è quello di non farsi mai guidare dalla fretta durante la fase di scelta, ma stare attenti a quelli che potrebbero essere i modelli di orologi davvero in grado di innalzare il livello qualitativo della propria collezione. In determinate occasioni, si può anche prendere la decisione di fare un vero e proprio investimento. Chi sceglie di comprare un modello di cui la produzione è terminata pochi anni fa, può comunque optare per conservarlo e poi rivenderlo una volta che il suo valore sarà salito a sufficienza.

Un altro aspetto a cui prestare attenzione è che, durante l’acquisto di un orologio vintage è meglio evitare di guardare a quelli che hanno un costo molto basso. Meglio stare alla larga anche da chi prova a vendere pezzi in edizione limitata, ma che sono usciti da poco ad un prezzo pari rispetto a quelli dell’acquisto.

I documenti da richiedere prima dell’acquisto

Due aspetti da curare sempre in ogni acquisto corrispondono alla documentazione e al certificato di originalità. Capita spesso e volentieri che comprando degli orologi d’epoca sul web, si possa finire in qualche truffa. Oppure, può capitare di ricevere un orologio che, in realtà, non presenta il valore promesso oppure è semplicemente una copia di quello che si pubblicizzava.

Prima di definire l’acquisto, quindi, il consiglio migliore da seguire è quello di andare alla ricerca di tutte le informazioni che si riferiscono al modello e alla referenza su cui si voleva puntare. Certi dati che si possono rinvenire sul web, permettono di comprendere meglio come siano stati creati i vari dettagli che caratterizzano quel particolare modello, come ad esempio gli indici, le scritte, le lancette e così via.

Oltre ad acquisire tutta la documentazione, in maniera tale da essere in grado di riconoscere se è un orologio è falso o meno, per accertarsi della sua originalità, è importante chiedere tutte le informazioni del caso al proprietario dello stesso. Ad esempio, bisogna necessariamente domandare, per alcuni tipi di orologi come ad esempio i Rolex, il certificato di autenticità e, se ci fosse la possibilità, anche il corredo dell’orologio. Magari, provate a dare un’occhiata all’orologio di persona e, se possibile, potete provare a mostrarlo ad un revisore Rolex per avere ancora maggiori certezze.