Android Wear 2.0 è ufficialmente disponibile

0
2951

Tramite un comunicato sul suo blog ufficiale, Google annuncia la disponibilità del nuovo OS dedicato agli smartwatch: Android Wear 2.0. Vediamo nel dettaglio tutte le novità ufficiali di questo importante aggiornamento del sistema operativo per smartwatch.

Google Assistant

Tra le novità principali di Android Wear 2.0 vi è il nuovo assistente digitale di Google. Basterà tenere premuto il pulsante fisico dello smartwatch per attivarlo.

Google Fit

Google vuole dare maggiore importanza al fitness e migliora Google Fit con Android Wear. Tutti i dati registrati dallo smartwatch saranno visibili in qualsiasi momento tramite lo smartwatch. L’aggiornamento introduce il monitoraggio e le statistiche per chi pratica spesso camminate o effettua spostamenti in bicicletta. Per chi svolge attività in palestra, invece, Google Fit effettuerà il monitoraggio delle attività svolte in sala.

Musica in streaming

Grazie all’arrivo di Android Wear 2.0, gli smartwatch con LTE potranno effettuare lo streaming della musica. Per il momento il servizio funzionerà solo con Google Play Music ma al servizio si aggiungerà Spotify.

Android Pay

Se nei negozi è disponibile il pagamento tramite NFC di Android, lo smartwatch permetterà di effettuare pagamenti.

Integrazione con PlayStore

Con Android Wear 2.0, Google integra il PlayStore su smartwatch.

Personalizzazione estetica

Con Android Wear 2.0 basterà uno swipe per cambiare l’interfaccia utente del quadrante dello smartwatch. Sono state anche introdotte maggiori opzioni di personalizzazione.

App Drawer

L’interfaccia dedicata alla lista delle app cambia con Android Wear 2.0. Con l’aggiornamento è anche possibile creare una lista di app da fissare in cima all’elenco.

Risposta rapida ai messaggi

Con Android Wear 2.0, Google introduce la funzione Smart Reply, per rispondere agli SMS direttamente dallo smartwatch. La funzionalità migliorerà con l’uso, suggerendo le parole più utilizzate in base al contesto.

Notifiche colorate

Google introduce le notifiche colorate per permettere di riconoscere al volo da quale app proviene la notifica. Le notifiche Gmail, ad esempio, saranno rosse, quelle di Hangouts, invece, verdi.