Facebook Aquila il drone che porterà Internet in tutto il mondo

0
2070

All’F8 Developer Conference di San Francisco Facebook non ha presentato solo i suoi servizi ma per bocca di Mike Schroepfer Chief Technology Officer di Facebook presenta un progetto hardware ambizioso: un drone. Si chiamerà Aquila ed avrà le dimensioni alare di un Boeing 737 ma sarà leggero come un’utilitaria di medie dimensioni.

La tecnologia sarà quella tipica dei droni ma grazie all’utilizzo di energia fotovoltaica i droni Aquila potranno rimanere in volo per molte settimane. Lo scopo è quello di portare Internet nelle aree più remote del mondo utilizzando i droni come delle “antenne mobili” che trasmetteranno a terra il segnale ricevuto dai satelliti attraverso la tecnologia laser Free-space optical. L’Aquila potrà volare fino ad una quota di 18.000 metri di altezza ben al di la ogni disturbo.

Il primo volo di test di un drone Aquila è stato già effettuato nel Regno Unito, ovviamente si tratta di un prototipo ed il progetto è ancora in fase di studio, non è ancora ipotizzabile una data per il rilascio in produzione. Non sono noti i costi totali del progetto così come ancora non sono state dettagliate le specifiche tecniche. Per la realizzazione del velivolo Facebook ha acquisito l’azienda specializzata Ascenta Limited per un costo intorno ai 20 milioni di dollari.

Il gioco tuttavia potrebbe valere la candela, poiché il pubblico potenzialmente interessato dalla tecnologia che porterebbe internet nelle zone non coperte da reti mobile, potrebbe aggirarsi fra 1,1 e 2,8 miliardi di persone.

Parallelamente ad Aquila, Mike Schroepfer ha annunciato che il framework React nato per costruire App native per Facebook diventerà OpenSource e ha mostrato un nuovo sistema di intelligenza artificiale in grado di identificare contenuti e frasi all’interno di un video e distinguerne il senso, lo scopo è quello chiaramente di mostrare agli utenti contenuti sempre più pertinenti ai loro interessi