Come scegliere il compro oro più affidabile

0
747
compro oro

Quando c’è bisogno di un po’ di liquidità, il metodo più veloce è indubbiamente quello di rivolgersi ad un compro oro. A differenza di un prestito, infatti, la possibilità di poter ottenere la liquidità necessaria è certamente più celere, senza dover poi pensare di dover restituire la somma col pagamento di rate mensili gravate dagli interessi, oltre ad evitare altre infinite e numerose spese come quelle relative alle spese d’istruttoria della pratica, etc.

Se si dispone di qualche oggetto prezioso, affidarsi ad uno dei tanti compro oro sparsi nelle nostre città, è una soluzione particolarmente intelligente ed in grado di fornire un’immediata risposta alle esigenze di liquidità di ciascun singolo individuo, mettendolo nelle condizioni di far fronte a tutte le impellenze della vita quotidiana.

L’importanza, non esaustiva, dei feedback

Quando si sceglie un compro oro bisogna tenere in considerazione alcuni aspetti, al fine di poter effettuare una scelta che rispecchia, appieno, le nostre esigenze e fornisca il giusto compenso economico, adeguato al valore dell’oggetto venduto. Come valutare il grado di affidabilità di un compro oro esistono diversi fattori.

Ad esempio, questo compro oro Roma è convenzionato con l’Associazione Nazionale Carabinieri ed opera nel pieno rispetto della normativa vigente, dando modo ai propri clienti di poter ottenere la miglior valutazione del proprio prezioso senza alcuna sottovalutazione dello stesso. Tra i tanti modi per valutare l’affidabilità di un punto vendita, uno, in alcuni casi, può essere di particolare aiuto all’utente.

Il cosiddetto feedback delle recensioni su internet, ad esempio, può esserci d’aiuto: le recensioni degli utenti, di quei soggetti che si sono affidati ad un compro oro in precedenza, ci forniscono un’idea, seppur non totalmente esaustiva, sulla operatività di un determinato esercizio e se sia il caso o meno di rivolgerci allo stesso. Se la rete può essere un supporto, il vero e caro passaparola è ancor più importante ed efficace.

Qual è il limite di pagamento in contanti?

Sentire l’opinione di amici, parenti o vicini di casa che hanno già avuto modo di poter effettuare la vendita di un prezioso presso quel determinato compro oro, può essere utile. Tutte queste informazioni raccolte consentono di avere un’idea, seppur vaga, di come opera un determinato punto vendita, anche se la percezione può essere differente da soggetto a soggetto.

Ed è quindi consigliabile, anche in caso di feedback non estremamente positivi, di verificare personalmente i pareri raccolti. La serietà di un compro ora, tuttavia, può essere percepita in base anche a parametri oggettivi, valutando come lo stesso adempia, compiutamente, a quanto disciplinato a livello legislativo.

In base ad una legge del 2017, un compro oro, per essere definito tale, deve rispettare alcune regole ben predefinite. Deve essere iscritto, ad esempio, all’Organismo Agenti e Mediatori, l’ente ufficiale dei professionisti che operano in questo settore ed adottare il limite di pagamento in contanti ad €.499,00 a settimana.

Come deve essere composto un preventivo?

L’aspetto più importante, tuttavia, è un altro: la consegna di un preventivo dettagliato al cliente, dove devono essere indicati tutti i dati anagrafici dello stesso. Questa ricevuta, che può essere richiesta simultaneamente a più soggetti per effettuare una comparazione delle offerte, deve includere tutti i dati che andremo, ora, ad elencare.

Devono essere assolutamente indicati, in primis, tutti i dati essenziali del metallo, come caratura, peso, descrizione e valutazione degli oggetti valutati. Nel preventivo, inoltre, deve essere indicata la modalità di pagamento con la quale verrà liquidata la vendita del bene: in contanti, tramite bonifico bancario (in quel caso dovranno essere indicate le coordinate dove verrà effettuato l’accredito) o assegno.

Nel preventivo, infine, dovranno essere indicate la quotazione del metallo nel momento in cui viene stipulato il preventivo, la data e l’ora in cui viene emesso e l’informativa sulla privacy.