Oculus Go: è davvero il visore della rivoluzione?

0
1024
oculus go

Oculus ha presentato il 1° maggio quello che promette di essere il visore della “rivoluzione VR”. Oculus Go non ha fili, infatti, costa poco ma ha tutte le caratteristiche dei top di gamma del settore. È possibile acquistarlo con memoria da 32 GB al prezzo di 219 euro, mentre quello da 64 GB costa 269,00 euro: per il momento lo si può reperire solo sul Web, anche in Italia, mentre in estate sbarcherà ufficialmente anche nei negozi tradizionali e nelle grandi catene dell’informatica. Secondo gli addetti ai lavori si tratta di un dispositivo che un elevato rapporto prezzo/qualità e che è in grado di far sperimentare un po’ a tutti la realtà virtuale.

Oculus Go non richiede l’utilizzo di uno smartphone, se non quando si devono gestire i contenuti multimediali. Della dotazione fanno parte un controller wireless per muoversi nei menu, un cavo di ricarica, un distanziale per chi usa gli occhiali e un panno per pulire le due ottiche. L’audio integrato può esser silenziato tramite l’utilizzo di auricolari o cuffie, poiché sul fianco è presente un classico connettore jack. Il produttore è Xiaomi, un marchio che negli anni ha acquisito affidabilità relativamente ai materiali di qualità. La maschera realizzata in tessuto è removibile e lavabile anche in lavatrice. Questo visore VR pesa solo 467 grammi, ma comunque non è indossabile per tante ore, come qualunque altro prodotto analogo, senza sperimentare un minimo di fastidio. È consigliabile utilizzarlo ad intervalli di 15 minuti in modo tale anche da non affaticare troppo la vista.

Oculus Go: caratteristiche tecniche

Al suo interno pulsa un Qualcomm Snapdragon 821 Mobile VR, mentre lo schermo è da 5.5” 2560 x 1440 pixel. Si tratta di un LCD con tecnologia fast-switch, con refresh che può arrivare a 60 Hz o a 72 Hz a seconda delle applicazioni utilizzate. Completano la dotazione giroscopio, accelerometro, speaker e microfono. Secondo il produttore, l’autonomia dovrebbe essere di 2 ore circa in gioco, 2 ore e mezzo in caso di riproduzione video. Per raggiungere la carica al 100%, è necessario tenerlo collegato ad una presa di corrente elettrica per circa 3 ore.