Cucina

Estrattori di succhi a freddo: a cosa servono, come funzionano e benefici

Estrattori di succhi a freddo: a cosa servono, come funzionano e benefici

Gli estrattori di succhi a freddo sono uno degli elettrodomestici che vanno per la maggiore negli ultimi tempi. Un tempo, i succhi venivano estratti dalla frutta a mano o con attrezzature molto rudimentali, poi sono diventati commerciali i classici frullatori, che oggi sono sostanzialmente sostituiti dalle centrifughe e dai migliori estrattori di succo. Perché acquistarne uno? Semplice: perché la frutta deve fare parte, nella giusta quantità, della dieta quotidiana di ognuno di noi e non c’è miglior metodo dell’assunzione dei succhi. È evidente, dunque, che disporre di un estrattore di succo a freddo non può fare altro che aiutare e facilitare il consumo.

L’UE, di comune accordo con la FAO, ha stabilito in 400 grammi la quantità di frutta e verdura da consumare quotidianamente, ma secondo gli ultimi dati a livello mondiale, la media pro capite è di 300 grammi assunti al dì. Insomma, siamo generalmente al di sotto del consumo consigliato per una dieta equilibrata e soprattutto se pratichiamo attività sportiva, faremmo bene ad adeguarci al più presto. Anche e a maggior ragione se conduciamo una vita sedentaria ed è bene evitare i cibi troppo grassi. Consumare frutta e verdura nelle dosi consigliate dagli esperti, aiuta a mantenere l’organismo in forma, ma anche a prevenire raffreddori e mal di gola.

Fonte di energia e vitamine impareggiabile, la frutta diminuisce anche il rischio di malattie croniche del 30%, secondo quanto sottolinea un luminare come il prof. Charles S. Fuchs, direttore del Gastrointestinal Cancer Center al Dana-Farber. Ed è qui, dunque, che disporre di un estrattore di succhi rappresenta un ulteriore vantaggio: consumare alimenti solidi, infatti, allunga i tempi di digestione, mentre i liquidi vengono gestiti molto meglio dall’apparato digerente umano. Basti pensare, ad esempio, che per digerire completamente un frutto possono volerci anche 3 ore, poiché le pareti cellulari sono molto resistenti. Un succo di frutta, invece, viene digerito anche in 15 minuti. A ciò, si aggiunga anche un altro dato importante, ossia il tasso di assorbimento che nel caso dei succhi è del 65%, mentre scende inesorabilmente al 17% nel caso di frutta allo stato solido.

Estrattori di succhi vs centrifughe

Da non dimenticare, infine, un elemento strettamente tecnico: un estrattore di succo a freddo riesce ad ottenere il 30% di succo in più rispetto ad una centrifuga, poiché il funzionamento di questi elettrodomestici è sostanzialmente differente.

Cucina
@mirkonicolino

Internet è il luogo ideale per soddisfare la mia curiosità, guardare a mondi lontani, immaginare il futuro sapendo che è ad un bit da me

Altri in Cucina

10 semplici trucchi per cucinare come uno chef

Salvatore Ginex27 ottobre 2014

Il bello della tecnologia

Wolf Agency
Via Cavour 24,10024, Moncalieri (TO)
+ 39.388.6322400
[email protected]
TStyle by Wolf Agency - Via Cavour 24 - 10024 Moncalieri (TO) - info@tstyle.it - tel: 39 388.6322400