iPhone e smartphone Samsung rallentati? L’Antritrust avvia indagine

0
1438
smartphone rallentati

L’Antitrust vuole vederci chiaro sulla vicenda degli iPhone e gli altri smartphone Samsung rallentati appositamente dalle case madri. Non solo Apple, infatti, ma anche il colosso sudcoreano dell’informatica è finito nel ciclone dell’obsolescenza programmata. Fino ad oggi, infatti, si era detto che i dispositivi con sistema operativo Android fossero immuni da questa pratica industriale scorretta, ma in realtà non è così. In seguito a segnalazioni da parte di consumatori, dunque, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato due procedimenti per “pratiche commerciali scorrette” nei confronti delle società Apple e Samsung.

“I professionisti – si legge nella comunicazione ufficiale dell’Antitrust – avrebbero posto in essere una generale politica commerciale volta a sfruttare le carenze di alcuni componenti per ridurre nel tempo le prestazioni dei propri prodotti e indurre i consumatori ad acquistare nuove versioni degli stessi; sarebbero stati, altresì, proposti ai clienti aggiornamenti software dei propri telefoni cellulari senza segnalare le possibili conseguenze dello stesso aggiornamento e senza fornire sufficienti informazioni per mantenere un adeguato livello di prestazioni di tali dispositivi, promossi ed acquistati per le loro specifiche ed elevate caratteristiche tecnologiche“.

Se gli addebiti nei confronti delle due aziende fossero confermati, potrebbero configurarsi le violazioni degli articoli 20, 21, 22 e 24 del Codice del Consumo. Con la collaborazione del Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza, l’Autorità ha anche avviato accertamenti ispettivi presso le sedi dei professionisti. Per le operazioni tecniche l’Antitrust si avvarrà anche dei militari del Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche dello stesso Corpo. Un’inchiesta analoga è stata aperta dalla giustizia francese, che vuole vederci chiaro “sull’invecchiamento precoce” dei dispositivi Apple e sulla riduzione delle prestazioni e dell’autonomia della batteria.