Business

Guadagnare rispondendo ai sondaggi: ecco come si fa

Guadagnare rispondendo ai sondaggi: ecco come si fa
Guadagnare rispondendo ai sondaggi: ecco come si fa

Internet offre mille modi di guadagnare e tra questi ve n’è uno troppo spesso sottovalutato, ossia quello di rispondere a sondaggi retribuiti. In molti non credono a questo settore come una reale fonte di guadagno, invece si sbagliano, perché esistono dei servizi che pagano seriamente per rendere i sondaggi ancora più accurati. Molti di voi avranno sentito parlare di “exit poll” nel caso di elezioni: ebbene, non si tratta altro che di sondaggi effettuati da alcuni istituti presso un campione più o meno ampio. Spesso, le persone selezionate casualmente rispondono ai sondaggi in maniera poco accurata o addirittura svogliatamente. È per questo, dunque, che le compagnie preferiscono affidarsi negli ultimi tempi a campioni selezionati, che vengono retribuiti appunto in base al loro impegno.

Ovviamente, prima di gettarsi a capofitto nell’ambito dei sondaggi retribuiti, è bene selezionare bene i servizi cui ci si affida. Esistono in Rete, infatti, siti che promettono di guadagnare anche cifre importanti al mese o addirittura altri che ci chiedono il versamento di una quota di iscrizione per poter partecipare ai sondaggi più remunerativi. Diffidiamo sempre da chi chiede soldi o da chi promette la luna, perché si tratta spesso di specchietti per le allodole che hanno lo scopo di ingannare ignari utenti. Per evitare le truffe, vi forniremo qualche esempio di sito affidabile e serio, che paga puntualmente coloro i quali decidono di partecipare ai loro sondaggi.

In fondo, guadagnare rispondendo alle domande dei sondaggi rappresenta un’attività tutt’altro che difficile e che non richiede competenze particolari, bensì solo una connessione ad Internet, un computer e un bel po’ di pazienza. Insomma, guadagnare con i sondaggi retribuiti si può, purché ci si affidi ai canali giusti.

Guadagnare con i sondaggi di Toluna

Cominciamo innanzitutto con Toluna Sondaggi, uno dei migliori panel del panorama italiano. Completando i sondaggi proposti da questo sito è possibile ottenere guadagni costanti con cadenza mensile.  Stiamo parlando di un panel che fa parte della società Toluna-Group, che ha un’esperienza internazionale di ben 8 anni e che può vantare qualcosa come 4 milioni di iscritti in tutto il mondo. Ogni sondaggio proposto da Toluna dà diritto a dei punti che una volta accumulati in quantità necessaria possono essere scambiati con soldi veri oppure con buoni utilizzabili in diversi store come Amazon, Alitalia, Ikea, Trony, Chicco, Decathlon, Spotify ed altri ancora. L’iscrizione è gratuita e il servizio propone anche un sistema di referral, tramite il quale si possono guadagnare 500 punti per ciascun utente valido invitato ad iscriversi.

Toluna Sondaggi lavora con diverse compagnie esterne che sono interessate a conoscere le opinioni degli utenti per studi di mercato. Dopo l’iscrizione, se un sondaggio corrisponderà al nostro profilo, riceveremo via posta elettronica un’email con i quesiti cui rispondere. Di media, questo panel invia dai 3 ai 5 sondaggi settimanali e l’accredito dei punti avviene qualche giorno dopo la compilazione dei sondaggi. A conferma della bontà del servizio, ci sono tante opinioni positiva da parte di chi partecipa ai sondaggi ormai da anni. Per ulteriori informazioni: Toluna recensione completa.

Guadagnare con i sondaggi di Mysurvey

Mysurvey sondaggi è un pane cui ci si iscrive gratuitamente e che appartiene alla società Lightspeed Research, agenzia di comprovata affidabilità e reputazione in tutto il mondo. Non è un caso, infatti, che sia diventata una fonte sicura di informazioni per corporazioni e grandi società. Mysurvey consente di guadagnare rispondendo a sondaggi retribuiti proposti con cadenza settimanale. I test hanno una durata media di 10 minuti, massimo 25 e inoltre vi è un sistema di affiliazione che consente di guadagnare 100 punti per ogni referral.

Con questo servizio, sono davvero in tanti coloro i quali sono riusciti a mettere da parte ogni mese un piccolo budget extra. Rispetto alla concorrenza, il panel di Mysurvey è senza dubbio uno di quelli che invia più sondaggi. L’importante è effettuare prima la registrazione fornendo alcuni dati personali come nome, cognome e indirizzo email. È importante che i campi siano compilati accuratamente, anche perché si rischia altrimenti di avere problemi in fase di pagamento. Al completamento del primo passaggio, occorre rispondere ad un breve questionario affinché si possano ricevere sondaggi in target con il proprio profilo. Ogni sondaggio è retribuito in maniera diversa con un punteggio: per raggiungere la soglia minima di pagamento, equivalente a 10 euro, occorre collezionare 1200 punti. Tra i metodi di pagamento c’è anche Paypal, molto comodo e semplice da utilizzare. Anche nel caso di Mysurvey o feedback degli utenti sono molto positivi, anche perché il fatto di appartenere ad Esomar è garanzia di affidabilità. Esomar, per chi non lo sapesse, è un’organizzazione che vanta 5.000 membri presenti in oltre 100 Paesi e riunisce sotto il proprio marchio le migliori compagnie di ricerca.

Guadagnare con i sondaggi di Global Test Market

Global Test Market è un altro dei siti di sondaggi meglio remunerati. Fondato nel 1999, appartiene alla società Global Market Insite. Inc che può vantare 1.400 clienti. Offre un portfolio di soluzioni a tutte le aziende che vogliono condurre ricerche di mercato e di conseguenza è sempre alla ricerca di utenti disposti a rispondere a sondaggi remunerati.

L’iscrizione a questo panel è completamente gratuita, purché si sia maggiorenni o siano stati compiuti i 14 (iscrizione condizionata dal permesso dei genitori). GlobalTestMarket invia agli utenti diversi sondaggi al mese, che danno diritto alla raccolta dei cosiddetti Marketpoints. La soglia minima per il primo pagamento è di 1.000 Marketpoints, che equivalgono a 50 dollari. Su GlobalTestMarket opinioni molto positive da parte degli utenti, del resto, si tratta di una società che opera da quasi vent’anni e non avrebbe avuto questa longevità se non avesse offerto un servizio serio e affidabile, suggellato da importanti partnership commerciali.

Insomma, vi abbiamo fornito tre panel e il nostro invito, se avete abbastanza tempo, è quello di iscrivervi a più piattaforme possibili, in modo da massimizzare i guadagni rispondendo a sondaggi che non richiedono in fondo un grosso impegno quotidiano. Ovviamente, dipende tutto da come è organizzata la vostra giornata lavorativa, ma se avete intenzione di mettere da parte un guadagno extra per coprire qualche spesa quotidiana, quello dei sondaggi retribuiti è un buon metodo.

Business
@mradaelli1

Internet è il luogo ideale per soddisfare la mia curiosità, guardare a mondi lontani, immaginare il futuro sapendo che è ad un bit da me

Altri in Business

Le 5 migliori piattaforme di email marketing in Italia

Le 5 migliori piattaforme di email marketing in Italia

Mirko Nicolino23 ottobre 2017
Instagram aiuta le aziende a crescere

Instagram aiuta le aziende a crescere

Mirko Nicolino18 ottobre 2017
Nuove professioni, SEO e social media manager, cosa fanno?

Nuove professioni, SEO e social media manager, cosa fanno?

Mirko Nicolino17 ottobre 2017
Addio truffe online: acquista e paga in sicurezza con Weldpay

Addio truffe online: acquista e paga in sicurezza con Weldpay

Mirko Nicolino10 ottobre 2017
L’export è il futuro dell’e-commerce italiano

L’export è il futuro dell’e-commerce italiano

Mirko Nicolino17 agosto 2017
Trading online alla portata di tutti, grazie alla tecnologia

Trading online alla portata di tutti, grazie alla tecnologia

Mirko Nicolino7 agosto 2017
TermoGest – Software gestionale per manutentori caldaie

TermoGest – Software gestionale per manutentori caldaie

Mirko Nicolino2 agosto 2017
Software di Email Marketing: la soluzione ideale per i professionisti

Software di Email Marketing: la soluzione ideale per i professionisti

Mirko Nicolino29 luglio 2017
Tim Open: la nuova piattaforma b2b per startup e sviluppatori

Tim Open: la nuova piattaforma b2b per startup e sviluppatori

Mirko Nicolino25 luglio 2017