Mobile

MySI: paga via smartphone e gestisci la tua carta di credito in sicurezza

MySI: paga via smartphone e gestisci la tua carta di credito in sicurezza
MySI: paga via smartphone e gestisci la tua carta di credito in sicurezza

Si chiama #MySI ed è l’app di CartaSi pensata per gestire la propria carta di credito e gli acquisti direttamente dal proprio smartphone. Una soluzione che garantisce facilità nelle transazioni, rapidità e soprattutto sicurezza. MySi funziona con qualsiasi tipo di carta Visa e Mastercard – carte di credito, di debito e prepagate – , basta registrare i dati nell’app, disponibile sia per dispositivi Android sia per iPhone e scaricabile dai rispettivi store digitali (Google Play ed App Store).

MySi è utilizzabile da tutti gli utenti, indipendentemente dall’essere clienti CartaSi solo per i pagamenti. Per coloro i quali sono clienti CartaSi, l’app rappresenta un valore aggiunto notevole, poiché mette a disposizione servizi e dispositivi Cartasì e i pagamenti sicuri tramite smartphone, associando all’app la propria carta. In caso contrario, MySi consente di gestire i propri acquisti via dispositivi mobili. MySi: le funzionalità peculiari dell’app:

– Gestione delle carte di pagamento e controllo di saldo e movimenti (servizi informativi);

– Acquisti con smartphone, in negozio e online (MySi Pay);

– Attivazione servizi di sicurezza e notifiche (sms alert + Notifiche pre e post login);

– Ricarica carte prepagate e ricariche telefoniche;

– Richiesta premi attraverso il programma di loyalty (IoSi).

Una volta installata l’app, direttamente nell’home page di MySi è possibile consultare il riepilogo delle proprie attività, il saldo della carta e gli ultimi 12 estratti conto. Basta un tap per personalizzare i servizi della propria carta, attivandoli o disattivandoli a seconda delle proprie esigenze.MySi Pay è presente all’interno dell’app tramite un wallet virtuale che permette di fare acquisti nei negozi semplicemente con il proprio smartphone. Si tratta di un sistema basato su tecnologia Host Card Emulation (HCE), che in sostanza virtualizza la carta di credito del titolare ed offre tre possibili modalità di pagamento:

Tap to Pay: basta avvicinare lo smartphone al POS, inserire il pin dispositivo MySi ed avvicinare nuovamente lo smartphone al POS;

Open App to Pay: bisogna aprire l’app MySi, premere sul bottone “MySi Pay” (non serve obbligatoriamente fare il login), inserire il pin dispositivo MySi ed avvicinare lo smartphone al POS;

Widget to Pay: bisogna scegliere la carta con cui si vuole pagare dal widget dell’app installato sullo smartphone, inserire il pin dispositivo MySi ed avvicinare lo smartphone al POS (necessita dell’apposito widget).

Buzzoole

Mobile
@mirkonicolino

Internet è il luogo ideale per soddisfare la mia curiosità, guardare a mondi lontani, immaginare il futuro sapendo che è ad un bit da me

Altri in Mobile

Smartphone: ecco l’algoritmo che protegge i minori

Smartphone: ecco l’algoritmo che protegge i minori

Mirko Nicolino12 febbraio 2018
Android: nel 2017 eliminate più di 700 mila app dallo store

Android: nel 2017 eliminate più di 700 mila app dallo store

Mirko Nicolino2 febbraio 2018
Giocare ai casino online anche da iPhone

Giocare ai casino online anche da iPhone

Mirko Nicolino31 gennaio 2018
iPhone X: Apple potrebbe dimezzare la produzione

iPhone X: Apple potrebbe dimezzare la produzione

Mirko Nicolino30 gennaio 2018
Come creare un app: Yeeply è la tua soluzione

Come creare un app: Yeeply è la tua soluzione

Mirko Nicolino24 gennaio 2018
WhatsApp: i video di YouTube li puoi guardare dentro l’app

WhatsApp: i video di YouTube li puoi guardare dentro l’app

Mirko Nicolino19 gennaio 2018
iPhone e smartphone Samsung rallentati? L’Antritrust avvia indagine

iPhone e smartphone Samsung rallentati? L’Antritrust avvia indagine

Mirko Nicolino18 gennaio 2018
Play Store Google: eliminate 60 app con annunci pornografici

Play Store Google: eliminate 60 app con annunci pornografici

Mirko Nicolino15 gennaio 2018
WhatsApp a pagamento dal 13 gennaio? E’ una bufala

WhatsApp a pagamento dal 13 gennaio? E’ una bufala

Mirko Nicolino9 gennaio 2018