Gadget e Curiosità

VAQSO VR, la realtà virtuale simula gli odori

VAQSO VR, la realtà virtuale simula gli odori
VAQSO VR, la realtà virtuale simula gli odori
Roberta Betti

Il mondo della realtà virtuale ha conosciuto una vera e propria impennata a partire dal 2016, anno in cui i principali produttori di elettronica di consumo si sono aperti a queto settore grazie alla spinta di Oculus Rift. Malgrado l’arrivo di molte novità competitive in tal senso, da HTC Vive a Playstation VR, al momento non è stata comunque offerta una soluzione che potrebbe rivelarsi più che interessante per i patiti di VR: un visore studiato per riprodurre gli odori.

Questa lacuna, che una volta risolta potrebbe dare nuova linfa al mondo del gaming così come della comunicazione quotidiana tra utenti, potrebbe essere colmata da VAQSO VR, un dispositivo rettangolare di piccole dimensioni nato per essere fissato sui nostri visori VR, un sintetizzatore olfattivo in grado di riprodurre un determinato odore in sincronia con i contenuti visualizzati sullo schermo.

Il device è nato come prototipo in Giappone ed è potenzialmente compatibile con ogni visore attualmente distribuito anche in Occidente. Il pairing avviene mediante Bluetooth oppure porta USB, e la longevità per ora sembra essere limitata a circa 2 ore; tuttavia sarà semplicemente questione di tempo affinché venga estesa.

Realtà virtuale e VAQSO VR: comunicazione olfattiva con l’utente

VAQSO VR funziona a cartucce, e nell’alloggiamento previsto dal dispositivo ne possono essere caricate 10 in totale. Ognuna di esse, in modo simile alle stampanti più datate, include una fragranza specifica che viene incanalata attraverso tre fori di piccole dimensioni, permettendo di essere odorate dalla persona che ha indossato l’headset in quello specifico momento.

Gli odori testati fino ad oggi sono tra i più diversi (erba, legno, fiori, profumi preconfezionati e addirittura polvere da sparo appena detonata). Le fragranze verrebbero poi espanse attraverso una piccola ventola silenziosa. L’utente potrà ovviamente scegliere se e quando disabilitare la funzione, impostando inoltre alcuni parametri essenziali per rendere ancora più soggettiva l’esperienza, tra cui l’intensità della fragranza e la persistenza.

L’obiettivo è quindi molto chiaro: resituire un’esperienza di realtà virtuale quanto più realistica possibile, in attesa che possano essere simulati anche i gusti in modo da poter coinvolgere sempre più i cinque sensi. La tecnologia in questione sembra comunque essere già matura al punto giusto per un semplice uso a livello consumer, e potremo vederla in azione entro fine 2017, con l’arrivo dei primi esemplari di VAQSO VR.

Gadget e Curiosità
Roberta Betti
@SerikaSerizawa8

Appassionata di hi-tech ed entertainment digitale, e più generalmente di tutto ciò che ruota attorno il sistema di numerazione binario: sistemi open source, OS, privacy, app, videogames, device e quanto il prolifico mondo della tecnologia ci propone ogni giorno

Altri in Gadget e Curiosità

Atlas: il robot di Boston Dynamics che ha imparato il parkour

Atlas: il robot di Boston Dynamics che ha imparato il parkour

Matteo Rossi13 ottobre 2018
Power Bank (caricabatterie portatile) e la sua importanza

Power Bank (caricabatterie portatile) e la sua importanza

Isan Hydi30 luglio 2018
Toner rigenerati cosa c’è da sapere

Toner rigenerati cosa c’è da sapere

Isan Hydi7 luglio 2018
Smartwatch: il mercato non è in crisi, i dati di vendita del 2018

Smartwatch: il mercato non è in crisi, i dati di vendita del 2018

Mirko Nicolino10 maggio 2018
Silvertech 2.0: le mutande hi tech che non si devono nemmeno lavare

Silvertech 2.0: le mutande hi tech che non si devono nemmeno lavare

Mirko Nicolino8 maggio 2018
Google Home Mini: lo speaker tuttofare di Big G gratis ma non per tutti

Google Home Mini: lo speaker tuttofare di Big G gratis ma non per tutti

Mirko Nicolino23 febbraio 2018
Xmas Giftie: Samsung ti porta a Bora Bora

Xmas Giftie: Samsung ti porta a Bora Bora

Mirko Nicolino22 dicembre 2017
Nowave: nasce la startup italiana che produce occhiali anti luce blu, fondendo design e attenzione alla cura degli occhi

Nowave: nasce la startup italiana che produce occhiali anti luce blu, fondendo design e attenzione alla cura degli occhi

Mirko Nicolino15 dicembre 2017
La Germania vieta gli smartwatch per bambini: ecco cosa è successo

La Germania vieta gli smartwatch per bambini: ecco cosa è successo

Mirko Nicolino20 novembre 2017

Il bello della tecnologia

Wolf Agency
Via Cavour 24,10024, Moncalieri (TO)
+ 39.388.6322400
[email protected]
TStyle by Wolf Agency - Via Cavour 24 - 10024 Moncalieri (TO) - info@tstyle.it - tel: 39 388.6322400