Mobile

Xiaomi Redmi Note 5 pronto alla rivelazione: specifiche tecniche e news

Xiaomi Redmi Note 5 pronto alla rivelazione: specifiche tecniche e news
Xiaomi Redmi Note 5 pronto alla rivelazione: specifiche tecniche e news
Roberta Betti

Xiaomi è pronta a rivelare un nuovo smartphone, il tanto atteso successore di Redmi Note 4 lanciato durante lo scorso Agosto. Il dispositivo è stato avvistato grazie ad un paper della FCC, l’autorità di approvazione statunitense che supervisione l’introduzione di nuovi device tecnologici, da cui si potrebbero evincere il design, e le prime specifiche tecniche, che dovranno comunque essere confermate ufficialmente da Xiaomi.

Secondo quanto riportato, Xiaomi Redmi Note 5 sarà incentrato soprattutto sulla connettività veloce e facile, grazie alla presenza di 4G LTE, VoLTE per le chiamate di nuova generazione e la dotazione standard di GPS, Bluetooth e Wi-Fi. L’autonomia sarà un altro punto chiave, grazie ad una batteria da 4000 mAh che di certo non mancherà di supportare l’uso dello smartphone per tutta la giornata.

Le prime specifiche ci parlano di uno smartphone con display IPS full HD a 5,5 pollici, di un OS Android (presumibilmente l’update Android Nougat) al centro del sistema, e di una RAM da 4 GB, che andrebbe in accoppiata con uno storage interno da 64 GB.

Xiaomi Redmi Note 5: quali saranno le differenze con i predecessori?

Redmi Note 4, il predecessore del nuovo arrivato di casa Xiaomi, è stato un bestseller in patria, e si prepara proprio in questi giorni  a sbarcare anche nella vicina India con una variante dotata di Snapdragon 625 anziché Helio X20 di MediaTek.

Dal momento che avrà a bordo anche l’aggiornamento ad Android 7.0 Nougat, come già detto si presume che anche Xiaomi Redmi Note 5 sarà dotato di questo OS(aggiornato alla versione 7.1)  al momento delll’annuncio e di conseguenza al lancio.

Tra le prime specifiche tecniche rivelate dall’FCC, troviamo uno schermo 5,5 IPS con risoluzone full HD, due fotocamere: posteriori da 16 megapixel) ed anteriori (13 megapixel) ed un veloce Snapdragon 652 n qualità di chipset. Il corpo dello smartphone potrebbe, esattamente come il predecessore, essere costruito in metallo con scanalature per un grip facilitato.

Il lettore di impronte digitali sarà collocato sul retro del dispositivo, mentre non è dato sapere se il device sarà tra i tanti che stanno cercando di sostituire il jack 3.5 mm in favore di un’alternativa audio digitale secondo gli standard USB: si tratta di un’informazione su cui Xiaomi non mancherà di delucidarci, non appena ci avvicineremo al momento del debutto di Redmi Note 5.

Mobile
Roberta Betti
@SerikaSerizawa8

Appassionata di hi-tech ed entertainment digitale, e più generalmente di tutto ciò che ruota attorno il sistema di numerazione binario: sistemi open source, OS, privacy, app, videogames, device e quanto il prolifico mondo della tecnologia ci propone ogni giorno

Altri in Mobile

Smartphone: ecco l’algoritmo che protegge i minori

Smartphone: ecco l’algoritmo che protegge i minori

Mirko Nicolino12 febbraio 2018
Android: nel 2017 eliminate più di 700 mila app dallo store

Android: nel 2017 eliminate più di 700 mila app dallo store

Mirko Nicolino2 febbraio 2018
Giocare ai casino online anche da iPhone

Giocare ai casino online anche da iPhone

Mirko Nicolino31 gennaio 2018
iPhone X: Apple potrebbe dimezzare la produzione

iPhone X: Apple potrebbe dimezzare la produzione

Mirko Nicolino30 gennaio 2018
Come creare un app: Yeeply è la tua soluzione

Come creare un app: Yeeply è la tua soluzione

Mirko Nicolino24 gennaio 2018
WhatsApp: i video di YouTube li puoi guardare dentro l’app

WhatsApp: i video di YouTube li puoi guardare dentro l’app

Mirko Nicolino19 gennaio 2018
iPhone e smartphone Samsung rallentati? L’Antritrust avvia indagine

iPhone e smartphone Samsung rallentati? L’Antritrust avvia indagine

Mirko Nicolino18 gennaio 2018
Play Store Google: eliminate 60 app con annunci pornografici

Play Store Google: eliminate 60 app con annunci pornografici

Mirko Nicolino15 gennaio 2018
WhatsApp a pagamento dal 13 gennaio? E’ una bufala

WhatsApp a pagamento dal 13 gennaio? E’ una bufala

Mirko Nicolino9 gennaio 2018