Internet

Trello acquistata da Atlassian per 425 milioni di dollari

Trello acquistata da Atlassian per 425 milioni di dollari
Trello acquistata da Atlassian per 425 milioni di dollari
Irene Podestà

Trello, l’applicazione per l’organizzazione dei team a livello aziendale, cambia proprietario. La società è stata acquisita da Atlassian per 425 milioni di dollari. Una notizia che non fa altro che confermare le enormi potenzialità del software per il mondo enterprise. L’app aveva raggiunto cifre da record con 19 milioni di utenti registrati in tutto il mondo. Ancora più significativo il dato registrato che faceva riferimento a più di un milione di utenti attivi al giorno.

Trello, come funziona l’app per l’organizzazione del lavoro

La piattaforma di Trello è basata su tre elementi fondamentali che sono anche i suoi punti di forza: Board, una lavagna virtuale destinata a elencare ciascun progetto, List, l’elenco delle fasi in cui è possibile suddividere un progetto e Card, gli obiettivi da raggiungere all’interno di un progetto. Trello è stato presentata ufficialmente cinque anni fa, durante la conferenza Techcrunch Disrup.

Trello, l’acquisizione da parte di Atlassian

Trello è stato acquistata da Atlassian e l’obiettivo delle due società è quello di raggiungere i 100 milioni di utenti in pochi anni. Trello rimarrà un servizio indipendente ma sarà comunque sotto la direzione di Atlassian che ha pagato ben 425 milioni di dollari.  La transazione verrà pagata per 360 milioni di contanti, mentre la parte rimanente sarà saldata in azioni vincolate e opzioni.  Atlassian vanta già altre 18 acquisizioni ma questa è senz’altro la più corposa. La società Atlassian è conosciuta per la suite Jira e l’acquisizione è stata confermata direttamente dal Ceo di Trello, Michael Pryor.

Per gli iscritti alla piattaforma non cambierà nulla, ma ci saranno sicuramente dei miglioramenti in arrivo. Grazie all’unione con Atlassian, Trello potrà investire in progetti di ricerca e sviluppo, cercando così di creare nuovi strumenti per i gruppi di lavoro. I risultati di questa collaborazione non si faranno sicuramente attendere a lungo. Vi terremo informati qualora vi fossero novità rilevanti.

 

Internet
Irene Podestà
@Irene_Silmarien

Videogiocatrice, social media dipendente e instancabile divoratrice di film e serie TV. Ama qualsiasi forma di tecnologia e tutto ciò che può essere definito smart.

Altri in Internet

Film streaming: prima sentenza favorevole ad un sito in Italia

Film streaming: prima sentenza favorevole ad un sito in Italia

Marco Radaelli27 marzo 2017
Facebook Messenger si rinnova: ecco Reazioni e Menzioni

Facebook Messenger si rinnova: ecco Reazioni e Menzioni

Marco Radaelli24 marzo 2017
Malware Mac: arriva Proton, il re delle minacce di sicurezza

Malware Mac: arriva Proton, il re delle minacce di sicurezza

Roberta Betti18 marzo 2017
Facebook: pulsante “non mi piace” in arrivo su Messenger

Facebook: pulsante “non mi piace” in arrivo su Messenger

Marco Radaelli7 marzo 2017
Facebook: le prime notizie etichettate come bufale

Facebook: le prime notizie etichettate come bufale

Marco Radaelli6 marzo 2017
Upspin, il nuovo tool di Google per condividere i file

Upspin, il nuovo tool di Google per condividere i file

Irene Podestà24 febbraio 2017
Perspective, lo strumento di Google contro il cyberbullismo

Perspective, lo strumento di Google contro il cyberbullismo

Irene Podestà24 febbraio 2017
Facebook Jobs: sfida a Liknedin per cercare e offrire lavoro

Facebook Jobs: sfida a Liknedin per cercare e offrire lavoro

Marco Radaelli17 febbraio 2017
Facebook “copia” Snapchat: ecco le storie e i filtri per le foto

Facebook “copia” Snapchat: ecco le storie e i filtri per le foto

Marco Radaelli16 febbraio 2017