Mobile

Asus Zenfone Pegasus 3S: nuovo smartphone Android Nougat dall’autonomia sorprendente

Asus Zenfone Pegasus 3S: nuovo smartphone Android Nougat dall’autonomia sorprendente
Asus Zenfone Pegasus 3S: nuovo smartphone Android Nougat dall’autonomia sorprendente
Roberta Betti

Asus continua ad aggiornare la sua fortunatissima linea di smartphone mid-end e top di gamma Zenfone con una nuova entrata, presentata recentemente al Consumer Electronics Show 2017 e dedicata principalmente a tutti gli utenti Android che, pur non avendo un grande budget a parte, vogliono comunque avere a disposizione un buon medio-gamma dall’autonomia eccellente.

Asus Zenfone Pegasus 3S è il nome del nuovo arrivato, uno smartphone Android dotato di chipset MT6750 ad 8 core, un display 5,2 pollici qualità HD, 2/3 GB di RAM a scelta a seconda del modello e l’ultima iterazione dell’OS Google per eccellenza, Android Nougat.

Il successore di Zenfone Pegasus 3, che si è fatto conoscere dal pubblico nel 2016, è del tutto simile ad un’edizione riveduta e corretta del terminale principale, supportata da una memoria flash da 32 o 64 GB espandibili e fotocamere rispettivamente da 13 e 8 megapixel.

Tra le prime differenze che notiamo tra i due modelli di smartphone troviamo certamente le modalità di riconoscimento biometrico, nel primo caso collocato sul retro dello smartphone; mentre Asus Zenfone Pegasus 3S incorpora lo scanner all’interno del tasto Home, permettendo il salvataggio di 5 impronte differenti e un veloce accesso alla piattaforma pagamenti preimpostata.

Asus Zenfone Pegasus 3S: autonomia e versatilità in un device low-cost

Alcuni dettagli di progettazione del nuovo Pegasus 3S fanno inoltre supporre che l’opera di Asus non abbia tralasciato proprio nulla in questo buon medio-gamma, tra cui il supporto alla ricarica smart 5V/2A, 5 differenti modalità di avvio del power saving e un’incredibile batteria da 5000 mAh.

Una dotazione da fare invidia a molti altri smartphone Android della stessa fascia, soprattutto se consideriamo la presenza di funzioni come l’autofocus a rilevamento di fase e la tecnologia proprietaria PixelMaster integrata nel compato fotografico. Per quanto riguarda la connettività, invece, Pegasus 3S supporterà una dual-SIM, Wi-Fi / Bluetooth e le connessioni 4G, ed anche VoLTE per comunicazioni più veloci.

Al momento Asus non ha rilasciato dichiarazioni univoche in merito alla reperibilità di Zenfone Pegasus 3S a livello mondiale, limitandosi per un momento ad un lancio in territorio cinese entro Gennaio. Sapremo comunque presto se il nuovo componente dell’ormai ampia famiglia degli Zenfone arriverà o meno anche in Europa.

Mobile
Roberta Betti
@SerikaSerizawa8

Appassionata di hi-tech ed entertainment digitale, e più generalmente di tutto ciò che ruota attorno il sistema di numerazione binario: sistemi open source, OS, privacy, app, videogames, device e quanto il prolifico mondo della tecnologia ci propone ogni giorno

Altri in Mobile

Smartphone: ecco l’algoritmo che protegge i minori

Smartphone: ecco l’algoritmo che protegge i minori

Mirko Nicolino12 febbraio 2018
Android: nel 2017 eliminate più di 700 mila app dallo store

Android: nel 2017 eliminate più di 700 mila app dallo store

Mirko Nicolino2 febbraio 2018
Giocare ai casino online anche da iPhone

Giocare ai casino online anche da iPhone

Mirko Nicolino31 gennaio 2018
iPhone X: Apple potrebbe dimezzare la produzione

iPhone X: Apple potrebbe dimezzare la produzione

Mirko Nicolino30 gennaio 2018
Come creare un app: Yeeply è la tua soluzione

Come creare un app: Yeeply è la tua soluzione

Mirko Nicolino24 gennaio 2018
WhatsApp: i video di YouTube li puoi guardare dentro l’app

WhatsApp: i video di YouTube li puoi guardare dentro l’app

Mirko Nicolino19 gennaio 2018
iPhone e smartphone Samsung rallentati? L’Antritrust avvia indagine

iPhone e smartphone Samsung rallentati? L’Antritrust avvia indagine

Mirko Nicolino18 gennaio 2018
Play Store Google: eliminate 60 app con annunci pornografici

Play Store Google: eliminate 60 app con annunci pornografici

Mirko Nicolino15 gennaio 2018
WhatsApp a pagamento dal 13 gennaio? E’ una bufala

WhatsApp a pagamento dal 13 gennaio? E’ una bufala

Mirko Nicolino9 gennaio 2018