Internet

Yahoo diventa Altaba e la Mayer andrà via

Yahoo diventa Altaba e la Mayer andrà via
Yahoo diventa Altaba e la Mayer andrà via

Yahoo! addio: una delle più longeve aziende di Internet presto cambierà nome ed establishment societario. Appena ci sarà il closing della cessione a Verizon, infatti, assumerà il nome di Altaba e l’attuale amministratore delegato Marissa Mayer si farà da parte rassegnando le dimissioni dal CDA. Con la Mayer, diranno addio anche altri top manager, tra cui il co-fondatore David Filo.

Insomma, è il crollo di un piccolo impero, annunciato dall’azienda con sede a Sunnyvale tramite un documento ufficiale presentato alla Securities and Exchange Commission degli USA. Come riferiscono autorevoli fonti di stampa, la nuova Altaba avrà un numero di consiglieri ridotto: saranno in cinque, ossia Tor Braham, Eric Brandt, Catherine Friedman, Thomas McInerney e Jeffrey Smith. La società, inoltre, diventerà una specie di investment company, con partecipazioni in Yahoo! Giappone e Alibaba Group Holding.

Tutta la parte riguardante i servizi Internet, invece, passeranno direttamente a Verizon, che ha già da questa estate l’intesa con Yahoo per l’acquisizione sulla base di 4,8 miliardi di dollari. Gli attacchi hacker avvenuti nel 2013 e nel 2014, resi noti sono negli ultimi mesi, poi, hanno fatto il resto, convincendo i nuovi acquirenti che fosse il momento di dare un taglio netto rispetto al passato. Del resto, ne è passata di acqua sotto i ponti da quando nel 2000 Yahoo valeva qualcosa come 125 miliardi di dollari ed era uno dei colossi assoluti del Web.

Yahoo: il tramonto di un impero?

Negli anni, poi, mentre Google ha continuato a crescere, l’azienda trainata dal motore di ricerca di Sunnyvale andava via via sbriciolandosi. Addirittura, nel 2008, nonostante una situazione tutt’altro che rosea, i vertici della società rifiutarono un’offerta di acquisizione da parte di Microsoft da ben 44,6 miliardi di dollari. Vent’anni prima, invece, Yahoo! rifiutava a Larry Page e Sergey Brin 1 milione di dollari per il brevetto di PageRank che avrebbe poi rivoluzionato il Web e avrebbe fatto letteralmente la fortuna dei due fondatori di Google.

Internet
@mradaelli1

Internet è il luogo ideale per soddisfare la mia curiosità, guardare a mondi lontani, immaginare il futuro sapendo che è ad un bit da me

Altri in Internet

Upspin, il nuovo tool di Google per condividere i file

Upspin, il nuovo tool di Google per condividere i file

Irene Podestà24 febbraio 2017
Perspective, lo strumento di Google contro il cyberbullismo

Perspective, lo strumento di Google contro il cyberbullismo

Irene Podestà24 febbraio 2017
Facebook Jobs: sfida a Liknedin per cercare e offrire lavoro

Facebook Jobs: sfida a Liknedin per cercare e offrire lavoro

Marco Radaelli17 febbraio 2017
Facebook “copia” Snapchat: ecco le storie e i filtri per le foto

Facebook “copia” Snapchat: ecco le storie e i filtri per le foto

Marco Radaelli16 febbraio 2017
YouTube Go: la nuova app ufficiale per seguire video social

YouTube Go: la nuova app ufficiale per seguire video social

Roberta Betti12 febbraio 2017
Pinterest, arriva Lens, lo Shazam degli oggetti

Pinterest, arriva Lens, lo Shazam degli oggetti

Irene Podestà10 febbraio 2017
Android Wear 2.0 è ufficialmente disponibile

Android Wear 2.0 è ufficialmente disponibile

Irene Podestà9 febbraio 2017
Google Chrome 57: arrivano le Progressive Web Apps per Android

Google Chrome 57: arrivano le Progressive Web Apps per Android

Roberta Betti5 febbraio 2017
Facebook, i risultati finanziari Q1 2017

Facebook, i risultati finanziari Q1 2017

Irene Podestà2 febbraio 2017