Internet

Mozilla è pronta a rimpiazzare Gecko con Servo?

Mozilla è pronta a rimpiazzare Gecko con Servo?
Mozilla è pronta a rimpiazzare Gecko con Servo?
Fabio Farnesi

Dal giorno in cui Internet ha emesso il primo vagito è iniziata la guerra dei browser. All’inizio fu Mosaic, poi Netscape Navigator, poi arrivarono Internet Explorer e Chrome, senza citare un certo numero di browser intermedi alcuni dei quali anche di discreto successo.

Sin dall’inizio Mozilla è stata una delle protagoniste della guerra dei browser, ma oggi il suo Firefox pur essendo uno dei migliori browser in circolazione e probabilmente uno fra quelli più amati dagli sviluppatori soffre di una certa arretratezza tecnologica.

In particolare il suo rendering engine: Gecko accusa qualche cedimento dovuto alla presenza sul mercato da ormai qualche decade e ad uno sviluppo che ha dovuto seguire l’evoluzione tecnologica pur basandosi su un progetto nato in tempi ormai lontani.

Dunque Mozilla da tempo è al lavoro per cambiare il suo rendering egine e mandare in pensione il glorioso Gecko. Il giovane deputato a sostituire l’ormai anziano rendering engine prende il nome di “Servo” ed  è un progetto sviluppato con in linguaggio denominato “Rust” ideato da Mozilla con una particolare attenzione alla programmazione concorrente. Gecko è stato sviluppato invece in C++

Perché il rendering engine è importante?

Probabilmente il termine “Rendering Engine” per i tanti che non sono particolarmente addentro allo stretto “informatichese” potrebbe non avere alcun significato ed in alcuni casi potrebbe essere scambiato con l’intero browser. In realtà per “Rendering Engine” si intende quel particolare modulo che in un browser si occupa di “renderizzare le pagine” ovvero di trasformare il linguaggio HTML in immagini, video, testi visualizzabili dall’utente. Un Rendering Engine non costituisce interamente un browser che invece è formato da molte altre parti ma sicuramente svolge un ruolo fondamentale. La velocità con cui le pagine vengono visualizzate, la loro corrispondenza agli standard sono da attribuire al Web Engine.

Quando avverrà la sostituzione?

Quando Mozilla rimpiazzerà Gecko con Servo non è dato saperlo. Per la funzione che il rendering engine occupa all’interno del browser agli occhi dell’utente la sostituzione potrebbe avvenire in un qualunque momento. Probabilmente nessun utente si accorgerebbe della sostituzione se non per il fatto che le pagine verrebbero visualizzate molto più velocemente.
Tuttavia, dietro le quinte, non è così facile sostituire l’intero rendering engine, poiché è il componente che ha maggiori relazioni con il resto del browser ed è anche il componente più delicato dell’intero browser.

La transizione viene gestita attraverso il progetto Quantum. Il primo passo è quello di integrare il sistema di gestione dei CSS di Servo all’interno di Gecko per poi passare agli altri componenti.

Quando tutto questo potrà avvenire non è ancora dato saperlo, ma è possibile che nel 2017 inizieremo a vedere alcune novità con il contributo di Servo al prossimo Firefox, e la battaglia dei browser ritroverà un vecchio/nuovo agguerrito concorrente

Internet
Fabio Farnesi
@jachetto

Una doppia vita passata per metà a scrivere codice e per metà a scrivere di tecnologia per le maggiori testate italiane online e offline. Quando non sono impegnato ad imparare qualche nuova tecnica è probabile che stia smontando un giocattolo nuovo

Altri in Internet

Facebook: news a pagamento anche in Italia, come funzionano

Facebook: news a pagamento anche in Italia, come funzionano

Mirko Nicolino20 ottobre 2017
Despacito supera i 4 miliardi di visualizzazioni su YouTube

Despacito supera i 4 miliardi di visualizzazioni su YouTube

Mirko Nicolino16 ottobre 2017
Pornhub: attacco hacker mette a rischio milioni di utenti

Pornhub: attacco hacker mette a rischio milioni di utenti

Mirko Nicolino12 ottobre 2017
Come fare disdette da qualsiasi tipo di contratto: dal telefonino all’ADSL

Come fare disdette da qualsiasi tipo di contratto: dal telefonino all’ADSL

Mirko Nicolino11 ottobre 2017
Instagram: nelle storie arrivano anche i sondaggi

Instagram: nelle storie arrivano anche i sondaggi

Mirko Nicolino4 ottobre 2017
Google come Facebook: editori potranno dare notizie a pagamento

Google come Facebook: editori potranno dare notizie a pagamento

Mirko Nicolino2 ottobre 2017
Facebook, ora sì: arrivano le news a pagamento

Facebook, ora sì: arrivano le news a pagamento

Mirko Nicolino28 settembre 2017
Twitter raddoppia: da 140 a 280 caratteri

Twitter raddoppia: da 140 a 280 caratteri

Mirko Nicolino27 settembre 2017
Cittadino messinese batte Google in tribunale: risarcimento di 22 euro

Cittadino messinese batte Google in tribunale: risarcimento di 22 euro

Mirko Nicolino25 settembre 2017