Google

DeepMind, come l’IA cambierà il mondo, secondo Google

DeepMind, come l’IA cambierà il mondo, secondo Google
DeepMind, come l’IA cambierà il mondo, secondo Google
Irene Podestà

L’interesse di Google verso l’intelligenza artificiale è noto da tempo. Il colosso di Mountain View ha sostenuto le sue teorie sull’importanza del machine learning diverse volte, affermando come lo sviluppo dell’intelligenza artificiale potrà essere veramente in grado di cambiare il mondo. Secondo Google l’importanza dell’utilizzo di una IA è da prendere in considerazione non solo nell’ambito lavorativo, ma anche in quello quotidiano, in quanto questa, una volta evoluta, potrebbe rivoluzionare e migliorare la vita privata e quotidiana delle persone.

DeepMind, l’intelligenza artificiale per l’uomo smart

È infatti per dare una base concreta a queste teorie che vi è la divisione di Deep Mind di Google, specializzata proprio nello sviluppo di progetti legati all’intelligenza artificiale. Del lavoro di DeepMind vi sono già i primi risultati. Tra questi vi sono anche algoritmi in grado di leggere e comprendere il labiale e di effettuare il riconoscimento vocale.

In sostanza, il futuro dell’IA è quello di cambiare il mondo, migliorandolo, arrivando ad occuparsi di problemi a beneficio della collettività. Una visione futuristica che proviene dalle parole di Mustafa, Suleyman, il CEO di DeepMind, intervistato durante l’evento TechCrunch Disrupt 2016 in corso a Londra.

Queste le parole del responsabile dell’azienda:

Abbiamo fondato l’azienda sulla premessa che molti dei nostri complessi problemi sociali diventeranno sempre più gravosi. L’obiettivo di DeepMind è quindi quello di creare un’intelligenza artificiale che possa rendere il mondo un posto migliore.

DeepMind, l’IA che si evolve assieme all’uomo

Un sistema che potrà risolvere i problemi di risolvere problemi di difficile soluzione che affliggono il mondo intero. Come esempio è possibile citare il campo della ricerca medica o quello dell’analisi del cambiamento climatico. Obiettivi che sembrano già di per sé rivoluzionari, ma che per DeepMind sono solo l’inizio. In futuro l’IA dovrà offrire soluzioni sempre più avanzate ed efficaci, in quanto in grado di apprendere e migliorare per soddisfare bisogni e esigenze umane sempre più complesse.

Google
Irene Podestà
@Irene_Silmarien

Videogiocatrice, social media dipendente e instancabile divoratrice di film e serie TV. Ama qualsiasi forma di tecnologia e tutto ciò che può essere definito smart.

Altri in Google

Google ci aiuterà a trovare lavoro, ecco come

Google ci aiuterà a trovare lavoro, ecco come

Marco Radaelli21 giugno 2017
Google e Facebook controllano il 20% della pubblicità a livello mondiale

Google e Facebook controllano il 20% della pubblicità a livello mondiale

Marco Radaelli8 maggio 2017
Google e PMI consigli di visibilità per piccole e medie imprese

Google e PMI consigli di visibilità per piccole e medie imprese

Marco Radaelli7 maggio 2017
Upspin, il nuovo tool di Google per condividere i file

Upspin, il nuovo tool di Google per condividere i file

Irene Podestà24 febbraio 2017
Perspective, lo strumento di Google contro il cyberbullismo

Perspective, lo strumento di Google contro il cyberbullismo

Irene Podestà24 febbraio 2017
Android Wear 2.0 è ufficialmente disponibile

Android Wear 2.0 è ufficialmente disponibile

Irene Podestà9 febbraio 2017
Google contro Trump: stanzia 4 milioni per l’immigrazione

Google contro Trump: stanzia 4 milioni per l’immigrazione

Marco Radaelli30 gennaio 2017
Chrome 56, gli aggiornamenti per la sicurezza del browser

Chrome 56, gli aggiornamenti per la sicurezza del browser

Irene Podestà27 gennaio 2017
Google Plus risorgerà in una nuova versione

Google Plus risorgerà in una nuova versione

Irene Podestà20 gennaio 2017