Google

Google Magenta: il primo brano composto dall’intelligenza artificiale

Google Magenta: il primo brano composto dall’intelligenza artificiale
Google Magenta: il primo brano composto dall’intelligenza artificiale

Google mostra tutte le potenzialità dell’Intelligenza Artificiale nella composizione della musica: al Moogfest il primo brano realizzato dalle reti neurali di Big G. Si tratta di una melodia che dura circa 90 secondi, ma il suo valore storico è elevatissimo, considerato che si tratta di una composizione originale realizzata quasi interamente da un’Intelligenza Artificiale. La paternità è di Magenta, il progetto con il quale il colosso dell’informatica sta insegnando alle reti neurali la creatività artistica. Il motivo, di poche note, è stato poi inserito su una base ritmica aggiunta in un secondo momento “dall’uomo”, a conferma che ancora ci sia tanto da lavorare per arrivare ad una composizione “indipendente” da parte di una macchina.

Il risultato ottenuto da Magenta, come spiega chiaramente Google, è un breve brano che per chi non lo sapesse potrebbe essere stato realizzato da un bambino con la sua tastiera o da uno studente del conservatorio. Insomma, siamo ancora a livello di qualcosa di embrionale per quel che riguarda la musica, mentre va già meglio a livello di pittura. Big G ha insegnato alle proprie macchine come realizzare delle opere d’arte partendo da alcune fotografie. Il risultato delle reti neurali è stato quasi sorprendente, con la realizzazione di alcuni quadri che di recente sono stati venduti a San Francisco.

Google e il sogno: artisti a braccetto con l’IA

Più complicato, almeno per il momento, l’applicazione dell’Intelligenza Artificiale alla realizzazione di componimenti letterari. Le prime cyber-poesie si sono rivelate dei componimenti di dubbio valore letterario e soprattutto hanno denotato un eccesso di malinconia, quasi tristezza. In ogni caso, il progetto Magenta va avanti senza sosta e Google aggiorna costantemente sui passi avanti tramite un blog ufficiale. La speranza del colosso dell’informatica è che attorno a questo progetto nasca una community nella quale gli artisti si propongano per lavorare a braccetto con l’Intelligenza Artificiale.

Foto: Endgadget

Google
@mradaelli1

Internet è il luogo ideale per soddisfare la mia curiosità, guardare a mondi lontani, immaginare il futuro sapendo che è ad un bit da me

Altri in Google

Come ottenere un buon posizionamento su Google

Come ottenere un buon posizionamento su Google

Marco Radaelli17 gennaio 2017
DeepMind, come l’IA cambierà il mondo, secondo Google

DeepMind, come l’IA cambierà il mondo, secondo Google

Irene Podestà6 dicembre 2016
Made by Google: cosa aspettarsi dall’evento del 4 ottobre

Made by Google: cosa aspettarsi dall’evento del 4 ottobre

Irene Podestà4 ottobre 2016
Google Trips, la nuova app per chi ama viaggiare

Google Trips, la nuova app per chi ama viaggiare

Irene Podestà21 settembre 2016
Google Duo, la rivoluzione delle videochiamate

Google Duo, la rivoluzione delle videochiamate

Irene Podestà16 agosto 2016
Google: Fuchsia il nuovo sistema operativo, cosa cambia

Google: Fuchsia il nuovo sistema operativo, cosa cambia

Marco Radaelli16 agosto 2016
Google batte Oracle: legale uso di Java per lo sviluppo di Android

Google batte Oracle: legale uso di Java per lo sviluppo di Android

Marco Radaelli27 maggio 2016
Google Home, Android N e tutte le altre novità

Google Home, Android N e tutte le altre novità

Marco Radaelli19 maggio 2016
Google Translate: traduzioni facili e offline con un tap

Google Translate: traduzioni facili e offline con un tap

Marco Radaelli13 maggio 2016