Google Translate: traduzioni facili e offline con un tap

0
1933
Google Tap to translate

Google Translate diventa Tap to Translate: l’app di BigG compie 10 anni e si apre ad una nuova funzionalità utilizzabile anche senza connessione. Da qualche ora, utilizzando l’applicazione Translate per dispositivi Android, non sarà più necessario effettuare copia & incolla vari per poter tradurre un testo. Si tratta di una vera e propria rivoluzione che riduce i tempi e consente a chiunque di tradurre anche messaggi senza disporre di una connessione. La nuova feature è stata introdotta con la nuova versione di Google Translate per i dispositivi Android che abbiano installato una versione del sistema operativo da Jellybean 4.2 in poi.

Da Google Translate a Tap to Translate

Prima dell’ultimo upgrade, per tradurre un testo bisognava copiarlo, incollarlo nell’app, scegliere la lingua di “partenza” e quella di “arrivo” per poi attendere la traduzione che veniva restituita se e solo se si disponeva di una connessione alla Rete. Con Tap to Translate (“Tocca per tradurre”), cambia sostanzialmente tutto e le traduzioni diventano immediate, anche con i servizi di messaggistica. Una volta selezionato il messaggio, basta toccare l’icona per leggere nella propria lingua e la traduzione apparirà in una finestra di popup.

Questa rivoluzione è stata resa possibile tramite l’alleggerimento del pacchetto delle traduzioni: dalle parti di Mountain View ne hanno ridotto il peso del 90% circa, fornendo ora ben 52 lingue in un pacchetto nel quale ciascuna ‘pesa’ 25 MB. Un’altra novità è rappresentata dall’introduzione del cinese che va ad arricchire la lista dei 29 idiomi supportati da Word Lens, servizio tramite il quale si traducono testi inquadrandoli semplicemente con il proprio dispositivo. Il lancio di Tap to Translate è stato accompagnato da un post ufficiale sul blog di Google:

”Ci auguriamo – si legge – che grazie a Tocca per Tradurre, ai miglioramenti della Modalità Offline e a Word Lens cinese, l’ultima versione di Google Traduttore sia ancora più utile”.