Business

Addio Adobe Flash benvenuto Animate CC

Addio Adobe Flash benvenuto Animate CC
Addio Adobe Flash benvenuto Animate CC
Fabio Farnesi

Adobe Flash dopo quasi venti anni di attività è destinato a chiudere i battenti. Lo annuncia la stessa Adobe che spiega sul suo blog le ragioni che la inducono a mandare in pensione Adobe Flash:

“Per circa due decadi, Flash Professional è stato lo standard per produrre animazioni sul web. Data la continua crescita di HTML5 e la domanda per animazioni coerenti con gli standard del web, abbiamo completamente riscritto il tool negli ultimi anni per incorporare il supporto nativo ad HTML5 Canvas e a WebGL. Per meglio rappresentare la nostra posizione di leadership nel campo degli strumenti di design per il web e oltre, abbiamo deciso di rinominare Flash Professional come Adobe Animate CC a partire dalla prossima release nel 2016”

Non si tratta dunque di una vera e propria resa per Flash e per Adobe, dovuta ai noti problemi di sicurezza di Flash e alla crescente necessità di compatibilità con i sistemi mobile, ma almeno nella presentazione di Adobe di una naturale evoluzione di un prodotto già consolidato in qualcosa di più moderno e vicino alle esigenze attuali.

Per meglio sottolineare però la distanza con il vecchio Adobe Flash e dunque allontanare dagli utenti ogni ricordo dei difetti e dei danni prodotti nel tempo da Flash, ecco arrivare dunque un nuovo nome: Animate CC con il pieno supporto ad HTML5.

Nel post che annuncia lo storico passaggio Adobe scrive:

“Oggi, circa un terzo dei contenuti creati con Flash Professionali usano HTML5, e raggiungo un miliardo di device nel mondo. Allo stesso modo è stata riconosciuto come una soluzione HTML5 aderente agli standard di Interactive Advertising Bureau […]”

Adobe non perde dunque l’occasione di ricordare che le animazioni prodotte in HTML5 da Flash Professional e conseguentemente da Animate CC sono conformi agli standard dell’Interactive Advertising Bureau (IAB), l’ente che eroga gli standard per la creazione dei banner pubblicitari che rappresentano linfa vitale per l’economia del web. Flash storicamente ha occupato una fetta rilevante del mercato della produzione di banner pubblicitari, e non vuole perdere l’occasione di occupare la stessa posizione di mercato ma questa volta attraverso il formato HTML5.

Si conclude dunque un’era, Adobe in una qualche misura abbandona Flash, il formato che fra alti e bassi ha fatto la storia dell’animazione sul web negli ultimi 20 anni. Non si tratta in realtà di un abbandono totale poiché Animate CC continuerà a supportare anche il vecchio output in Flash, tuttavia appare chiaramente come un segnale importante verso una lenta ma inesorabile migrazione.

Business
Fabio Farnesi
@jachetto

Una doppia vita passata per metà a scrivere codice e per metà a scrivere di tecnologia per le maggiori testate italiane online e offline. Quando non sono impegnato ad imparare qualche nuova tecnica è probabile che stia smontando un giocattolo nuovo

Altri in Business

Quale etichettatrice scegliere

Quale etichettatrice scegliere

Marco Radaelli17 gennaio 2017
Come il riconoscimento facciale cambierà il marketing

Come il riconoscimento facciale cambierà il marketing

Redazione TStyle12 gennaio 2017
Fitbit compra Pebble in saldo: nasce un nuovo colosso degli smart watch

Fitbit compra Pebble in saldo: nasce un nuovo colosso degli smart watch

Marco Radaelli1 dicembre 2016
Lead Scoring, come contattare il giusto cliente al momento giusto

Lead Scoring, come contattare il giusto cliente al momento giusto

Redazione TStyle30 novembre 2016
Acquisire e mantenere i clienti attraverso il “Lead Nurturing”

Acquisire e mantenere i clienti attraverso il “Lead Nurturing”

Redazione TStyle14 novembre 2016
Facebook: utili e ricavi ancora in rialzo grazie a video e mobile

Facebook: utili e ricavi ancora in rialzo grazie a video e mobile

Marco Radaelli3 novembre 2016
Marketing automation, ovvero come acquisire nuovi clienti attraverso il web

Marketing automation, ovvero come acquisire nuovi clienti attraverso il web

Redazione TStyle31 ottobre 2016
Come iniziare a fare trading online

Come iniziare a fare trading online

Valerio Di matteo17 ottobre 2016
Samsung: i problemi di Galaxy Note 7 costano 3 miliardi

Samsung: i problemi di Galaxy Note 7 costano 3 miliardi

Marco Radaelli14 ottobre 2016