Firefox a favore dell’ambiente con Ecosia e Ecolink

0
1844
Ecosia

Nel dicembre del 2009, in partnership con Bing, Yahoo e il Wwf tedesco, nasceva Ecosia, un motore di ricerca che permette agli utenti di piantare gli alberi raccogliendo fondi attraverso una qualunque, semplice, ricerca web. Tre sono, fino ad ora, i progetti sostenuti da Ecosia: quello del Wwf nella foresta pluviale per 1.623.651 milioni di dollari fino all’agosto del 2013, è stato il primo. Poi è stata la volta del programma “Plant a Billion Trees” della “Nature Conservancy”, conclusosi nel dicembre 2013, il cui obiettivo era supportare la riforestazione dello Juruena National Park in Amazzonia e, infine, dal primo gennaio 2015, quella del Burkina Faso, in collaborazione con WeForest e Entrepreneurs Without Borders.

Un finanziamento all’ambiente, quello di Ecosia, nel corso di questi anni, che supera i 4 milioni di dollari e i 2,5 milioni di alberi piantati. La media attuale è di circa un albero ogni 16 secondi che contribuisce alla salvaguardia dell’ambiente, al benessere del Pianeta, a preservare l’anima verde, che pulsando, alimentando la vita stessa.
Sulla base degli utenti attivi e delle ricerche effettuate, Ecosia, come ogni altro motore di ricerca guadagna dalle pubblicità.

L’80% della sua eccedenza sui ricavi la devolve per alimentare e proteggere il nostro ecosistema, scegliendo come forma quella di far nascere un nuovo albero con l’aiuto di chi ha a cuore questa causa. Aggiungendo Ecosia come estensione al browser preesistente, si può fare qualcosa di concreto per il pianeta, senza spendere un centesimo. Tra le sue caratteristiche ci sono gli ottimi risultati di ricerca e la pubblicazione delle ricevute delle donazioni, in piena trasparenza. Sotto la barra di ricerca si può visualizzare il numero totale di alberi piantati e anche il proprio contributo personale.

Accanto ad Ecosia, anche Ecolink e Tab for a Cause abbracciano lo stesso tema. Si tratta, nel caso di Ecolink, di un sistema di acquisti online che attraverso gli oltre 10mila siti dei negozi aderenti all’iniziativa, avvisa quando è possibile piantare un albero, comprando sul web. Non ci sono costi aggiuntivi, ma la donazione varia tra il 2 e il 10% della spesa effettuata. Per quanto riguarda Tab For a Cause, è una pagina che permette al donatore di accumulare fondi navigando direttamente da questa su Internet o collegandosi ai social network e scegliere l’ambito a cui destinare i suoi fondi.

Firefox ha, inoltre, messo a disposizione una serie di addon per personalizzare il browser, dargli un tocco green con un’immagine naturale, un news feed di notizie legate all’ambiente o l’accesso diretto ai principali siti del settore con Eco-Friendly o una raccolta di 15 foto che ritraggono paesaggi, dai fiori alle montagne, che si possono selezionare e cambiare a piacimento senza riavviare il browser, con Nature Photos.

L’interesse per l’ambiente da parte di Firefox che si traduce con l’offerta di questi add-on, si lega al tema di Expo, “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, discussione alla quale il browser creato dall’organizzazione non-profit Mozilla non è rimasto estraneo, consapevole che l’impegno condiviso di tutti, per preservare e alimentare la natura, è quello che permette di avere uno stile di vita sano e genuino.

A poco meno di un mese dal termine dell’esposizione universale 2015 ospitata a Milano è così che Firefox risponde concretamente al tema delicato della tutela del Pianeta e dello sviluppo sostenibile, eredità lasciata da Expo, dando la possibilità a ciascuno di fare il suo, con dei semplici click.