Internet

Facebook batte i telegiornali fra gli under 30

Facebook batte i telegiornali fra gli under 30
Image by Jason Howie (CC BY 2.0)
Facebook batte i telegiornali fra gli under 30
Fabio Farnesi

Il 12° rapporto Censis-Ucsi sulla comunicazione fotografa, come fa ormai da molti anni, la mappa del consumo dei media e dell’informazione in Italia. L’evoluzione dei Social e la crescente diffusione di Internet soprattutto fra i più giovani danno luogo a quella che viene etichettata come la “disintermediazione digitale“.

Si conferma la tendenza degli utenti a saltare totalmente i tradizionali mezzi di diffusione dell’informazione: TV e Giornali, a favore della costruzione di un’informazione personalizzata andandola spesso a ricercare attraverso i social, Google, Youtube e gli altri mezzi di informazione digitale.

Nel 2015, aumenta il numero di utenti connessi ad Internet, facendo registrare un +7.4% rispetto al 2013 e raggiungendo la quota del 70.9%. Tuttavia solo il 5.2% si connette con banda ultralarga. L’85.7% degli under 30 utilizza uno smartphone e il 36.6% un tablet.

La televisione detiene ancora il 96.7% degli spettatori, ma crescono i social con 50.3% della popolazione iscritto a Facebook, il 42% utilizzatore di Youtube e il 10.1% iscritto a Twitter.

Una spaccatura fra giovani e anziani

L’Italia è tuttavia un popolo diviso in due con il 77.4% degli iscritti a Facebook sotto i 30 anni e il 72% degli under 30 iscritto a Youtube. Tra i giovani il 91.9% utilizza la rete mentre gli over 60 connessi sono appena il 27.8%. L’85.7% degli utenti delle nuove generazioni usa uno smartphone contro il 13.2% degli anziani.

La profonda divisione generazionale nell’utilizzo delle nuove tecnologie determina una diversa distribuzione del consumo mediatico, destinata inevitabilmente a cambiare totalmente nel tempo il peso dell’informazione tradizionale rispetto a quella distribuita attraverso Internet ed i social network.

Facebook più popolare dei telegiornali fra i giovani

Il rapporto Censis-Ucsi evidenzia come la totalità dei numeri veda ancora i telegiornali al primo posto fra le fonti di informazione più utilizzate con il 76.5% delle preferenze, seguiti dai giornali radio che detengono una quota del 52%, Google ed i motori di ricerca conquistano un 51.4%, le tv all news il 50.9% e Facebook l 43.7%.

La situazione cambia radicalmente se il campione statistico viene ristretto ai più giovani, in questo caso il primo posto viene occupato da Facebook con una quota del 71.1%, seguito da Google con il 68.7% e solo al terzo posto arrivano i telegiornali con un 68.5%, Youtube occupa un 53.6% mentre i giornali radio arrivano appena al 48.8% tallonati a brevissima distanza dalle app per smartphone con un 46.8%.

Si conferma il ciclo negativo della carta che fa registrare un -1.6% ad eccezione dei settimanali e dei mensili che non fanno registrare variazioni significative rispetto al periodo precedente.

Dove va la rete

Alla luce di questi numeri si possono anche comprendere meglio le mosse di alcuni grandi player del mercato digitale. Appare una mossa intelligente quella di Facebook di volere fare comparire nello stream il flusso delle notizie aggiungendo alla propria vocazione social anche quella di mezzo di diffusione dell’informazione. Con un aumento del 12.9% dei possessori di uno smartphone e il crescente numero di ricerche che avvengono attraverso il mobile appare anche più comprensibile la decisione di Google di voler forzare in una qualche misura i webmaster a rendere i loro siti compatibili con i device mobile, pena una diminuizione del rank nelle posizioni di ricerca.

Con questi numeri rimangono le perplessità di coloro che vedono nello scarso controllo della qualità dell’informazione in rete come il maggiore limite alla sua diffusione, al contrario dei sostenitori della capacità del singolo utente di costruirsi un’informazione personalizzata che tenga conto anche della credibilità e della reputazione dei diversi mezzi

Internet
Fabio Farnesi
@jachetto

Una doppia vita passata per metà a scrivere codice e per metà a scrivere di tecnologia per le maggiori testate italiane online e offline. Quando non sono impegnato ad imparare qualche nuova tecnica è probabile che stia smontando un giocattolo nuovo

Altri in Internet

Attività SEO: perché è importante per un’azienda

Attività SEO: perché è importante per un’azienda

Isan Hydi21 Marzo 2020
Come scegliere una connessione internet

Come scegliere una connessione internet

Isan Hydi17 Gennaio 2020
Perché un consulente Adwords può aiutarti a far crescere il tuo business

Perché un consulente Adwords può aiutarti a far crescere il tuo business

Isan Hydi16 Dicembre 2019
CS | Fondazione Cortina 2021 e IQUII ancora insieme: una nuova app per le Finali di Coppa del Mondo Cortina 2020.

CS | Fondazione Cortina 2021 e IQUII ancora insieme: una nuova app per le Finali di Coppa del Mondo Cortina 2020.

Isan Hydi10 Ottobre 2019
Betting online, gli italiani riscoprono il piacere di scommettere

Betting online, gli italiani riscoprono il piacere di scommettere

Isan Hydi25 Agosto 2019
Checkout, la novità di Instagram per l’e-commerce sui social network

Checkout, la novità di Instagram per l’e-commerce sui social network

Isan Hydi6 Aprile 2019
Casinò e tecnologia: cosa ci riserva il futuro?

Casinò e tecnologia: cosa ci riserva il futuro?

Isan Hydi19 Febbraio 2019
Gioco d’azzardo online: la nuova frontiera del gaming

Gioco d’azzardo online: la nuova frontiera del gaming

Isan Hydi1 Febbraio 2019
Traduzione siti internet: come fare e quali elementi considerare

Traduzione siti internet: come fare e quali elementi considerare

Isan Hydi23 Dicembre 2018

Il bello della tecnologia

Wolf Agency
Via Cavour 24,10024, Moncalieri (TO)
+ 39.388.6322400
[email protected]
TStyle by Wolf Agency - Via Cavour 24 - 10024 Moncalieri (TO) - info@tstyle.it - tel: 39 388.6322400