Gadget e Curiosità

Hitachi firma il sensore della felicità

Hitachi firma il sensore della felicità
Hitachi firma il sensore della felicità
Maria Elia

Manca ormai davvero poco: ad aprile il Giappone sperimenterà per primo il nuovo prodotto di Hitachi, un dispositivo indossabile in grado di misurare la felicità dei dipendenti. Perciò, non ci si potrà più nascondere dietro falsi sorrisi fingendo che tutto vada bene o lasciare inespressi stati di malessere sul lavoro.

Accanto a smartwatch, activity tracker, fitness tracker in grado di monitorare l’attività fisica quotidiana, la distanza percorsa, il numero di calorie bruciate, la qualità del sonno o App che suggeriscono come migliorare abitudini e stile di vita,finalmente un device che punta alla trasparenza.

Un ausilio per le aziende in grado di rivelare quello che in molti non riescono ad esprimere a voce per timidezza, timore o solo perché preferiscono non dire, aspettando che siano gli altri a leggere tra le righe. Parlare apertamente riesce difficile, soprattutto se si tratta di un datore di lavoro e allo stesso modo non è semplice interpretare atteggiamenti o segnali di insoddisfazione. Eppure i movimenti fisici, secondo Hitachi, sono strettamente correlati allo stato d’animo.

Il gadget, infatti, nasce proprio come strumento di analisi della soddisfazione sul lavoro per capire in che misura questa possa incidere sulla produttività dei lavoratori. Mascherato da badge e messo al collo, questo wearable riesce, grazie ad alcuni sensori, a rilevare e registrare se un dipendente è in piedi o seduto, se sta digitando dalla sua postazione o meno, se sta parlando oppure no.

A determinare il livello di felicità è un accelerometro che invierà i dati raccolti all’unità di base che poi calcola la felicità del gruppo nel suo complesso. Così facendo si ottiene una sorta di Human Big Data, i risultati non saranno mai per singola persona, ma collettivi per evitare disagi e che i dipendenti si sentano condizionati dal fatto di essere controllati durante tutto il giorno.

Ciascun dispositivo costerà alle aziende circa 750 euro all’anno che potrebbero però essere ammortizzati, se è vero che funziona!

Gadget e Curiosità
Maria Elia
@Mari3lia

Amante dei viaggi e della lettura, non posso fare a meno di perdermi nei mondi raccontati dai libri e da realtà diverse. Esageratamente curiosa mi affascina tutto ciò che è cultura e innovazione

Altri in Gadget e Curiosità

I più efficaci gadget personalizzati del 2019: una breve guida

I più efficaci gadget personalizzati del 2019: una breve guida

Isan Hydi8 Agosto 2019
Le macchine del caffè moderne: il gusto in un oggetto arredo

Le macchine del caffè moderne: il gusto in un oggetto arredo

Isan Hydi19 Gennaio 2019
Gestire impeccabilmente le stampanti Toshiba

Gestire impeccabilmente le stampanti Toshiba

Isan Hydi28 Dicembre 2018
Foto sott’acqua: come scattarle in modo perfetto

Foto sott’acqua: come scattarle in modo perfetto

Isan Hydi28 Novembre 2018
Outfit e orologi: per ogni look un abbinamento

Outfit e orologi: per ogni look un abbinamento

Isan Hydi15 Novembre 2018
Gioielli da uomo: la moda che ritorna

Gioielli da uomo: la moda che ritorna

Isan Hydi29 Ottobre 2018
Atlas: il robot di Boston Dynamics che ha imparato il parkour

Atlas: il robot di Boston Dynamics che ha imparato il parkour

Matteo Rossi13 Ottobre 2018
Power Bank (caricabatterie portatile) e la sua importanza

Power Bank (caricabatterie portatile) e la sua importanza

Isan Hydi30 Luglio 2018
Toner rigenerati cosa c’è da sapere

Toner rigenerati cosa c’è da sapere

Isan Hydi7 Luglio 2018

Il bello della tecnologia

Wolf Agency
Via Cavour 24,10024, Moncalieri (TO)
+ 39.388.6322400
[email protected]
TStyle by Wolf Agency - Via Cavour 24 - 10024 Moncalieri (TO) - info@tstyle.it - tel: 39 388.6322400