Reddit nuova policy per combattere il porno

0
2202

Per anni Reddit è stato il posto di tutte le libertà, ma proprio tutte nel senso più ampio del termine. Solo gli utenti stessi sono stati responsabili di un’automoderazione. Questa politica ha dato luogo nel tempo alla creazione di una community di ben 160.000.000 di utenti, un’enormità in pratica.

Tuttavia, se da un lato questa grande libertà è stata quasi sempre sfruttata in modo corretto dagli utenti, in alcuni casi invece la fiducia accordata ha portato al proliferare di aree completamente fuori controllo utilizzate per lo scambio di materiali spesso al limite della legalità.

L’ultimo, il più celebre degli scandali, ha coinvolto le foto di scatti di centinaia di star di hollywood riprese nei loro momenti più privati ed intimi e divulgate attraverso Reddit.

Dunque anche per una community tipicamente dedita alla protezione di tutte le libertà d’espressione è ora di correre ai rimedi. Cambia dunque la policy di Reddit, dopo quella di Google Blogger, e da Martedì 24 Febbraio non sarà più possibile postare su Reddit contenuti o video a sfondo sessuale o comunque immagini di nudo senza il consenso dei soggetti interessati.

Alexis Ohanian co-fondatore di Reddit ha dichiarato in un’intervista:

“Spero realmente che nel momento in cui stiamo entrando nei futuri 10 anni di vita di Reddit, essenzialmente il sito di informazione con più traffico su Internet, ci sia l’opportunità di creare uno standard per il rispetto della privacy dei nostri utenti”

Si tratta di un cambiamento storico per Reddit, anche se già nell’ultimo anno il livello di attenzione nei confronti dei topic a maggior rischio era stato fortemente innalzato e alcune discussioni erano state addirittura rimosse.

Rdddit progetta anche di creare una serie di tutorial riguardanti l’attività di moderazione delle discussioni.

“Per tutti noi operatori dei social media, stiamo tutti avventurandoci in territori del tutto nuovi”

ha detto Mr. Ohanian

“Nessuno di noi prima d’ora ha visto piattaforme come Reddit e Twitter prima d’ora”

Fonte: New York Times