Business

eCommerce: Italia in ritardo, solo il 4% delle imprese vende online

eCommerce: Italia in ritardo, solo il 4% delle imprese vende online
Foto by r. nial bradshaw (CC BY 2.0)
eCommerce: Italia in ritardo, solo il 4% delle imprese vende online
Pierfrancesco Biccoli

Il commercio elettronico è sempre di più un volano per l’economia, lo dimostra l’andamento delle vendite dei grandi colossi internazionali. Tuttavia l’Italia è ancora una volta in ritardo rispetto a questa opportunità di business.

A diffondere i dati sulla diffusione dell’ecommerce per le imprese italiane è il Consorzio del commercio elettronico Netcomm che raggruppa le maggiori imprese del settore e si occupa di favorire la diffusione del commercio elettronico.

In un incontro alla camera dei deputati Netcomm ha presentato un quadro preciso di quale sia la penetrazione dello strumento eCommerce per le imprese italiane accompagnando questa ricerca da un documento di proposta per l’introduzione di norme che favoriscano lo sviluppo del commercio elettronico nel nostro paese.

“In Italia siamo in ritardo sia per la percentuale di vendite online sia per le imprese che sono sul web”. A dirlo è Roberto Liscia, presidente Netcomm, “il fatturato delle vendite online italiane è di 14 miliardi di euro, siamo dietro alla Spagna dove si raggiungono i 17 miliardi”, ha aggiunto.

Le imprese italiane che vendono online sono solo il 4% del totale pur disponendo di prodotti esclusivi e di qualità che ben si presterebbero al commercio elettronico, la media europea è di 11 punti superiore e raggiunge il 15%.

I motivi per cui le imprese italiane investono poco in eCommerce sarebbero da ricondurre ad una carenza di accesso alla banda larga e alla mancata copertura finanziaria per gli investimenti necessari per aprire nuovi scenari di mercato utilizzando la rete.

“L’Italia è conosciuta nel mondo per i suoi prodotti di abbigliamento, calzature, accessori, moda, arredo, design, vino e prodotti alimentari-gastronomici di qualità. Tutte le piccole e medie imprese italiane che producono e/o commercializzano questo tipo di prodotti hanno degli spazi di mercato straordinari, tecnicamente stiamo parlando di una platea di oltre 1 miliardo ci consumatori che abitualmente compra online e di 2,6 miliardi di individui che sono su internet. Ma stiamo perdendo competitività a livello globale e non riusciamo a sfruttare il potenziale del Made in Italy che potrebbe trovare più facilmente sbocchi su questi mercati”.

ha detto Roberto Liscia

Così mentre il mercato complessivo cresce di circa il 20% all’anno negli ultimi sei anni e cresce anche il numero di utenti che comprano online, innescando perciò un circolo virtuoso che potrebbe rappresentare un volano economico specialmente in questo momento di recessione, le imprese italiane continuano ad essere fanalino di coda in un settore che potrebbe fonire una boccata di ossigeno per la nostra malandata economia

Business
Pierfrancesco Biccoli
@pbicco

Programmatore, viaggiatore, sportivo, di solito mi lascio appassionare da tutto ciò che ha luci colorate e tasti da premere

Altri in Business

Costituire una SRL innovativa da casa: grazie a iubenda è possibile

Costituire una SRL innovativa da casa: grazie a iubenda è possibile

Marco Radaelli23 giugno 2017
Quale etichettatrice scegliere

Quale etichettatrice scegliere

Marco Radaelli17 gennaio 2017
Come il riconoscimento facciale cambierà il marketing

Come il riconoscimento facciale cambierà il marketing

Redazione TStyle12 gennaio 2017
Fitbit compra Pebble in saldo: nasce un nuovo colosso degli smart watch

Fitbit compra Pebble in saldo: nasce un nuovo colosso degli smart watch

Marco Radaelli1 dicembre 2016
Lead Scoring, come contattare il giusto cliente al momento giusto

Lead Scoring, come contattare il giusto cliente al momento giusto

Redazione TStyle30 novembre 2016
Acquisire e mantenere i clienti attraverso il “Lead Nurturing”

Acquisire e mantenere i clienti attraverso il “Lead Nurturing”

Redazione TStyle14 novembre 2016
Facebook: utili e ricavi ancora in rialzo grazie a video e mobile

Facebook: utili e ricavi ancora in rialzo grazie a video e mobile

Marco Radaelli3 novembre 2016
Marketing automation, ovvero come acquisire nuovi clienti attraverso il web

Marketing automation, ovvero come acquisire nuovi clienti attraverso il web

Redazione TStyle31 ottobre 2016
Come iniziare a fare trading online

Come iniziare a fare trading online

Valerio Di matteo17 ottobre 2016