Fujifilm X30: la compatta che fa foto da Reflex

0
3005
FujiFilm X30 Black
FujiFilm X30 Black VIsta Frontale

La fotografia è un’arte, e la fotocamera è il mezzo grazie al quale riusciamo ad esprimerla. Quando vi dicono che per fare una grande foto non conta il mezzo, ma “il manico”, ovvero la bravura del fotografo, ma sappiate che non è proprio così. Se usate una buona fotocamera, siete già a metà dell’opera.
Tra le ultime uscite, è particolarmente interessante la Fujifilm X30, una fotocamera compatta, ma capace di prestazioni semi-professionali grazie all’utilizzo dell’ormai rodato e conosciuto sensore X-Trans da 2/3”, che non utilizzando il filtro passa-basso per limitare l’effetto moiré permette di ottenere foto dalla superiore nitidezza.

La X30 va a sostituirsi alla X20 e, pur mantenendo diversi punti di contatto con il modello precedente, si presenta con un nutrito numero di novità. Cambia, ad esempio, il mirino. Abbandonato l’Advanced Optical Viewfinder, Fujifilm punta adesso sul nuovo mirino Real Time Viewfinder, più ampio e veloce non solo di quello del precedente modello, ma anche di gran parte delle concorrenti dirette. Il nuovo mirino offre un ingrandimento pari a 0,65X, quasi identico a quello delle reflex di fascia bassa con sensore APS-C, e un ritardo di visualizzazione limitato a soli 0,005 secondi.
Viene quindi eliminato il mirino ottico, ma in compenso il nuovo mirino elettronico può contare su un pannello OLED con 2,36 milioni di pixel capace di adattare automaticamente la sua luminosità grazie al sensore di luce ambientale e di mostrare in anteprima l’effetto sulle foto delle impostazioni scelte dall’utente.

Nuovo anche il display posteriore, che adesso ha una diagonale utile pari a 3”, una risoluzione di 920.000 pixel ed è basculante verso l’alto ed il basso, così da migliorare la facilità di scatto in situazioni limite. Le novità continuano con la seconda ghiera aggiunta all’obiettivo, sistemata immediatamente dietro lo zoom. Questa ghiera permette di regolare in modo immediato diversi parametri di scatto, in base alla modalità impostata sulla fotocamera. Può ad esempio essere utilizzata per modificare l’apertura del diaframma, il tempo di scatto e altri parametri quali la sensibilità ISO, il bilanciamento del bianco e molto altro. Interessante l’introduzione del WiFi con possibilità di scatto remoto da smartphone e tablet.

Rispetto alla X20, invece, non cambia la risoluzione del sensore, che rimane fissata su 12 megapixel, e l’ottica utilizzata, uno zoom stabilizzato con focale di 28-112mm equivalenti con apertura massima f:2,0-2,8. Identico anche il sistema di messa a fuoco ibrido e la velocità di scatto a raffica, pari a 12 foto al secondo.