5 Braccialetti per il fitness da non perdere

0
8314
Samsung Gear Fit
Samsung Gear Fit

Si chiamano “Activity Tracker” e sono l’ultima moda in fatto di accessori hi-tech per il fitness. Hanno la forma di un braccialetto per il polso e un display. Misurano i passi, l’attività cardio durante la giornata, il consumo calorico e persino la qualità del sonno. Si infilano al polso e monitorano costantemente per tutto l’arco della giornata la vostra attività fisica. Chiamiamoli dei “motivatori da polso”, dei sistemi che vi inducono ogni giorno a fare meglio del precedente. E se vi stancate di essere motivati e volete passare una bella giornata in ozio senza lo stress di sapere quanti passi avete fatto o quante calorie avete consumato, potete sempre sfilarli dal polso e semplicemente ignorarli.

Jawbone Up

Jawbone Up è uno dei più noti e famosi Activity Tracker, probabilmente perché anche uno dei primi ad avere conquistato una decisa popolarità fra gli appassionati del fitness. Si tratta di un braccialetto in gomma anallergica privo di display. Il suo funzionamento infatti è completo solo se collegato all’omonima applicazione disponibile per Smartphone. Il collegamento allo smartphone avviene tramite jack audio, collocato ad un estremità del braccialetto e coperto da un tappo che lo rende invisibile mentre lo utilizzate. Il collegamento via jack audio è necessario sia per sincronizzare i dati fra braccialetto e telefono sia per ricaricare il braccialetto quando necessario. In ogni caso una ricarica dura più o meno una settimana.

Togliamoci subito un dubbio e diciamo che Jawbone Up come la maggior parte degli activity tracker è essenzialmente un contapassi. Non ha funzionalità di GPS, cardio o tutte le altre funzionalità avanzate che possono avere  sistemi come ad esempio Runkeeper. E tuttavia nelle sue funzioni base è estremamente preciso.

Durante la giornata conterà tutti i vostri passi, sia mentre camminate sia mentre correte magari in una session d’allenamento. Allo stesso modo stimerà le calorie consumate. Naturalmente eviterà di contare tutti quei movimenti involontari effettuati mentre magari siete comodamente seduti al computer.

Le funzioni più particolari Jawbone Up le riserva per la notte. Misurerà infatti la qualità del vostro sonno, segnalando quante volte vi siete girati, svegliati, avete avuto il sonno leggero etc. Ed in più se lo desiderate potrete impostare un allarme per svegliarvi tramite vibrazione solo nel momento in cui il vostro sonno è più leggero.

Costo: 149 ,95€ sullo store di Apple

Garmin vivofit

Mettiamo subito in evidenza due delle particolarità più interessanti del Garmin Vivofit: ha il display e non necessita di essere ricaricato. Garmin garantisce la durata delle batterie per circa 12 mesi. Il display d’altra parte è un bel vantaggio rispetto al Jawbone Up. In questo modo è possibile conoscere in tempo reale l’andamento del proprio consumo calorico giornaliero, il numero di passi effettuati e le altre informazioni tipiche di un activity tracker.  Potrete anche sapere ad esempio quanta “attività fisica” vi separa da un obiettivo prefissato. Infine cosa non da poco, a meno che non vogliate tenere il braccialetto su un polso e l’orologio sull’altro, potrete conoscere l’ora.

Le altre funzionalità del Garmin Vivofit sono quelle tipiche di un activity tracker inclusa la misurazione della qualità del sonno attraverso il giroscopio. Tuttavia è possibile utilizzare il Vivofit in congiunzione con una fascia sempre prodotta da Garmin cosa che rende possibile visualizzare i battiti cardiaci in tempo reale. Ovviamente l’uso della fascia non significa che improvvisamente avrete disponibile anche il GPS, per cui se decidete di andare a correre sappiate che il vostro Vivofit vi mostrerà l’indicazione del battito cardiaco ma non del percorso effettuato.

costo 119€ sullo store di Garmin

Fitbit Flex

Il Fitbit Flex allo stesso modo del Jawbone UP non ha display. Ha invece cinque led posti sull’esterno del braccialetto per indicare la distanza dall’obiettivo. Come il Jawbone UP ha funzioni di contapassi, distanza percorsa, calorie bruciate e misuratore della qualità del sonno. Esattamente come il Jawbone UP necessita di un collegamento allo smartphone per poter visualizzare i dati.  La batteria ha una durata di circa 5 giorni. Lo scambio dei dati è totalmente Wireless ed avviene ogni volta che il Fitbit si trova nel raggio d’azione di un dispositivo compatibile

Costo: 99,95€ sullo store di Apple 

 

Samsung Gear Fit

Prima di ogni altra cosa sul Samsung Gear Fit dobbiamo dire che è bello. Design e qualità dei materiali decisamente molto interessante. Torna il display e questa volta è un super amoled con colori e contrasto da primo della classe, che a parte rendere il Samsung Gear Fit piuttosto elegante sono un requisito essenziale se volete dare uno sguardo al display in outdoor, durante le vostre session di allenamento per esempio. Altra funzionalità interessante  è la presenza di un sensore integrato per la rilevazione del battito cardiaco, per cui aggiunge alle funzioni di contapassi e  misuratore di calorie anche quella di cardiofrequenzimetro. Ovviamente la presenza del display fa si che possa essere utilizzato anche come cronometro e orologio. Il collegamento allo smartphone questa volta consente anche di ricevere sul braccialetto notifiche per le telefonate, le email gli sms etc.

Punti a sfavore: la ricarica in teoria durerebbe tre giorni, in pratica in condizioni d’uso intenso arriva con una certa fatica fino a sera. Per coloro i quali sono abituati ai ritmi di ricarica a cui ci costringono gli smartphone potrebbe non essere un problema, tuttavia la ricarica nel caso del Samsung  Gear Fit è possibile solo attraverso la sua dock, per cui in caso di giornate lunghe dovrete portarla con voi. Ovvie le altre funzioni di misura della qualità del sonno etc.

Sulla precisione delle misurazioni, il Samsung Gear Fit sembra  invece non essere particolarmente competitivo.

Costo: 198.99€ sullo store di Samsung

 

 

Huawei Talkband B1

Togliamoci subito ogni dubbio e diciamo che Huawei Talkband B1 è un activity tracker “transformer” ovvero in caso di necessità si sfila dal polso si piega, e diventa un auricolare bluetooth per lo smartphone. Potrebbe essere una caratteristica vincente? forse si, visto che gli auricolari sono diventati ormai uno degli accessori immancabili nel nostro abbigliamento quotidiano.  Detto questo, diciamo anche che ha il display e che è decisamente un bel display visto che si tratta di un oled curvo da 1.4″. I dati raccolti sono quelli tipici per i prodotti di questo tipo: contapassi, calorie consumate e misurazione della qualità del sonno. La batteria dura circa una settimana e si ricarica via USB. Dispone di un chip NFC per trasmettere i dati all’app sullo smartphone.

Dati negativi: il calcolo delle varie misure non è in tempo reale ma viene aggiornato ad intervalli regolari

costo: 142€ su Amazon